Raccolta fondi per aiutare la famiglia di Eddy, lo studente dell'Unipg annegato a Livorno - Tuttoggi

Raccolta fondi per aiutare la famiglia di Eddy, lo studente dell’Unipg annegato a Livorno

Alessia Chiriatti

Raccolta fondi per aiutare la famiglia di Eddy, lo studente dell’Unipg annegato a Livorno

I genitori non hanno a disposizione i soldi per il rimpatrio della salma
Gio, 06/07/2017 - 21:27

Condividi su:


Raccolta fondi per aiutare la famiglia di Eddy, lo studente dell’Unipg annegato a Livorno

E’ una storia di solidarietà, di aiuto e di fratellanza quella che vede protagonisti gli studenti dell’Università degli Studi di Perugia. Sono già in tanti quelli che hanno deciso di dare una mano alla famiglia di Eddy Aguidi, il ragazzo di 23 anni originario del Togo morto tragicamente domenica pomeriggio (2 luglio) nelle acque del mare di Livorno. La famiglia di Aguidi non possiede infatti i soldi necessari per il rimpatrio nel paese africano della salma del giovane figlio, arrivato in Italia con una borsa di studio per studiare Scienze Politiche e da poco rientrato dall’Erasmus in Germania.

Ed ecco che, su iniziativa dei residenti all’interno dei collegi di via Faina e di via Innamorati, dove Eddy risiedeva, è partito il tam tam per organizzare una raccolta fondi e aiutare economicamente la famiglia del giovane.

L’annuncio per chiamare amici, conoscenti, o chiunque fosse mosso da spirito solidale, a donare del denaro per la raccolta fondi viaggia anche sui social network: “alcuni giorni fa — si legge su alcuni gruppi Facebook – Eddy Aguidi studente presso l’Università degli Studi di Perugia, ha tragicamente perso la vita nel mare di Livorno. Per sostenere la sua famiglia a riportarlo in Togo è stata organizzata una raccolta fondi presso i collegi studenteschi Casa dello Studente in via Z. Faina e Collegio di via F. Innamorati. Invitiamo tutti a partecipare a questo gesto di solidarietà. Ci uniamo alle condoglianze rivolte ai familiari e a quanti lo conoscevano”.

Anche l’amministratore di Adisu (l’Agenzia per il diritto allo studio che gestisce gli studentati), Luca Ferrucci, e gli stessi dipendenti dell’ente hanno voluto manifestare la loro vicinanza alla famiglia di Eddy, addolorati per quanto accaduto. Seppur a titolo personale, stanno raccogliendo dei fondi da destinare alle necessità dei familiari del giovane 23enne.

Lo studente, si ricorderà, si trovava a Livorno insieme ad altri ragazzi per lavorare come facchino nella ditta perugina di catering Sergio Bellina. Aveva trascorso lì due giorni e sarebbe dovuto tornare a Perugia proprio nel pomeriggio di domenica. Approfittando del tempo libero, Eddy e i suoi amici avevano deciso di fare un tuffo in acqua. Purtroppo però, il mare era molto agitato e il 23enne è andato a fondo quasi subito. Inutili i soccorsi dei presenti e del 118 giunto sul posto.

©Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento