Pubblicità e mercati, così cambia la tassazione

Pubblicità e mercati, così cambia la tassazione

Redazione

Pubblicità e mercati, così cambia la tassazione

Lun, 11/01/2021 - 10:55

Condividi su:


Approvato il regolamento provvisorio per l’istituzione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e del canone di concessione per l’occupazione delle aree per i mercari

Canone per pubblicità e mercati, ok in Commissione al regolamento. La I e II Commissione consiliare – rispettivamente Affari Istituzionali e Bilancio – riunite in seduta congiunta, hanno approvato il regolamento provvisorio per l’istituzione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e del canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate. Il regolamento è stato approvato con 10 voti favorevoli e 5 astensioni dalla I commissione e con 9 voti a favore e 5 astensioni dalla II commissione.

Cosa cambia con la nuova legge

“L’atto si rende obbligatorio, seppur in via provvisoria, – ha spiegato l’assessore al Bilancio Cristina Bertinelli – dal momento che la legge 160/2019 ha stabilito l’introduzione dei suddetti nuovi canoni, che assorbono una serie di tributi comunali, sostituendoli. Avrebbe dovuto entrare in vigore il primo gennaio 2020, ma a causa della numerose criticità è stata prorogata. Ulteriori rinvii sono stati richiesti dagli enti locali, anche attraverso Anci, ma la proroga non c’è stata – ha proseguito -. Si rende, pertanto, necessario adottare una normativa provvisoria, per poi dar luogo ad un regolamento e a tariffe definitive in un secondo momento. Nel regolamento – ha concluso Bertinelli – abbiamo recepito anche le indicazioni del consiglio comunale prestando una particolare attenzione alle edicole pure, che stanno soffrendo a causa della situazione causata dalla pandemia”.

Rimodulazione di tributi e canoni

“La norma di legge – ha aggiunto il dirigente Mirco Rosi Bonci – abroga alcuni dei tributi minori dei comuni, rendendoli inapplicabili, ma non istituisce concretamente i nuovi canoni patrimoniali, lasciandone ai comuni l’obbligo di istituzione. Si pone, quindi, il problema per gli enti stessi, da un lato, di non perdere gettito rispetto ai precedenti tributi e, dall’altro, di determinare una continuità per autorizzazioni e concessioni. Tutti gli enti –ha proseguito il dirigente – hanno avuto grandissima difficoltà a procedere all’istituzione dei canoni. Perché, peraltro, canoni e tributi hanno una disciplina completamente diversa. Sicuramente saranno necessari ulteriori interventi del legislatore, visto che la materia è in divenire”.

Come previsto dalla L. 160 del 2019 (Legge di Bilancio 2020), a decorrere dal 1° gennaio 2021 è istituito il canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria, in sostituzione della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, dell’imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni.

Il canone è comprensivo di qualunque altro canone ricognitorio o concessorio previsto da norme di legge e dai regolamenti comunali e provinciali (fatti salvi quelli connessi a prestazioni di servizi).

Sempre sulla base delle previsioni della suddetta legge, dalla stessa data, è istituito il canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate, che sostituisce la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche e, limitatamente alle sole occupazioni temporanee, la tassa sui rifiuti.

Le procedure per le concessioni

Confermate provvisoriamente le procedure per il rilascio delle concessioni per le occupazioni di suolo pubblico e delle autorizzazioni all’installazione di mezzi pubblicitari previste dai regolamenti comunali e la conferma provvisoria dell’applicazione dei due canoni stabiliti nei regolamenti comunali TOSAP/COSAP. Gli articoli 4 e 5 del regolamento sono, quindi, relativi alla determinazione dell’acconto e del conguaglio (Artt. 4 e 5), prevedendo che il pagamento dei canoni deve avvenire in via provvisoria sulla base delle tariffe vigenti per i tributi / canoni soppressi nel 2020, salvo successivo conguaglio una volta approvate le tariffe definitive per il 2021.

Il contratto con Dogre

L’art. 6 riguarda la proroga del contratto di affidamento a Dogre per la gestione del canone unico patrimoniale, limitatamene alla componente legata alla diffusione dei messaggi pubblicitari, mentre si provvede alla gestione diretta, per mezzo degli uffici comunali competenti, del canone unico patrimoniale nella componente collegata all’occupazione di suolo pubblico, nonché alla gestione diretta del canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate.

Fino al nuovo Regolamento

L’articolo 7 è, infine, relativo all’entrata in vigore e alla cessazione della validità dello stesso regolamento. Esso, infatti, entra in vigore il 1° gennaio 2021, in virtù dell’istituzione del canone prevista a partire da quella data, ma cessa la sua validità con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento per l’applicazione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e del canone di concessione dei mercati, che sarà approvato entro il termine di approvazione del bilancio di previsione.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!