Progetto Cratere 2022, i suoni del Mediterraneo protagonisti in Valnerina

Progetto Cratere 2022, i suoni del Mediterraneo protagonisti in Valnerina

Redazione

Progetto Cratere 2022, i suoni del Mediterraneo protagonisti in Valnerina

Dom, 26/06/2022 - 07:48

Condividi su:


L'iniziativa è promossa dalla Fondazione Perugia Musica Classica onlus e finanziata dalla Regione Umbria. A settembre concerto a Norcia

Si chiuderà ufficialmente a settembre, con il concerto di Gabriele Mirabassi al clarinetto insieme all’Orchestra da Camera di Perugia, in piazza San Benedetto a Norcia nell’ambito della Sagra Musicale Umbra, il Progetto Cratere 2022.

Promosso dalla Fondazione Perugia Musica Classica onlus e finanziato dalla Regione Umbria (con Avviso DD 5136/2021) per l’attuazione dell’accordo tra la Regione Umbria e il Ministero della Cultura MIC a valere sul DM 42/2021 (Fondi Sisma), il progetto Cratere è stato inaugurato a inizio febbraio con un duplice spettacolo – ad Arrone e Montefranco – del Krama Ensemble, dedicato alle canzoni dei diversi popoli del Mediterraneo, tema dell’attività laboratoriale e artistica di quest’anno.

“L’intervento nelle scuole di Arrone e Montefranco – sottolinea Leonardo Ramadori, coordinatore del progetto – ha una triplice valenza: quella educativa, con l’apprendimento dei primi elementi della musica con canti e giochi musicali; quella sociale, con il ritorno dell’intera comunità scolastica a condividere insieme momenti di gioia e divertimento; quella propriamente culturale, mettendo i bambini davanti a capitoli di storia e cultura del Mediterraneo che li aiutino a comprendere la realtà nella quale sono inseriti, a partire dai propri compagni di classe di origine extracomunitaria”.

L’iniziativa è proseguita fino a maggio con le attività dedicate alle scuole elementari all’Istituto Comprensivo “Fanciulli” di Arrone: il laboratorio “Giochi ritmici”, tenuto da Stefano Olevano per le prime due classi, con la realizzazione di giochi musicali per sviluppare le capacità di ascolto e di attenzione, mentre le classi III, IV e V elementare hanno partecipato al laboratorio “I canti del Mediterraneo” a cura di Kyriacoula Constantinou, per realizzare un piccolo repertorio di canti popolari delle sponde del Mediterraneo, ispirato alle tradizioni che vivono anche in Italia – come quella arberesh, siciliana, napoletana e grika – e a quelle di Cipro, Grecia, Turchia, Spagna e del mondo arabo.

Gran finale per il progetto Cratere sabato 28 maggio, al Convento di S. Francesco di Arrone, con la giornata di restituzione dei laboratori in cui a tutti i bambini è stata offerta la possibilità di giocare liberamente ai giochi che i bambini di prima e seconda hanno praticato, mentre i bambini di terza, quarta e quinta hanno cantato i brani imparati durante il laboratorio accompagnati dai musicisti del Krama Ensemble.

(foto Eleonora Dottorini)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!