Primarie Pd Umbria, sfida finale tra Renzi e Bersani - Aggiornamenti: Renzi ammette la sconfitta, segretario al 60% - Tuttoggi

Primarie Pd Umbria, sfida finale tra Renzi e Bersani – Aggiornamenti: Renzi ammette la sconfitta, segretario al 60%

Redazione

Primarie Pd Umbria, sfida finale tra Renzi e Bersani – Aggiornamenti: Renzi ammette la sconfitta, segretario al 60%

Dom, 02/12/2012 - 15:07

Condividi su:


Primarie Pd Umbria, sfida finale tra Renzi e Bersani – Aggiornamenti: Renzi ammette la sconfitta, segretario al 60%

Aggiornamento 23.10 – Bersani si conferma anche nella provincia di Terni (con più di 9mila preferenze, 6.500 per Renzi) ma, contro i pronostici della vigilia conquista anche Perugia andata al primo turno a Renzi. Nella città capoluogo di Regione il segretario ha conquistato più di 7.700 voti mentre il sindaco di Renzi 6.600 circa. Indubbiamente l'indicazione di voto di Vendola a favore di Bersani ha dato i suoi frutti.


Aggiornamento 22.04 – Pierluigi Bersani ha vinto le primarie per la candidatura a premier. Dopo lo spolglio di 7.250 seggi su 9.219, il segretario del Pd è oltre il 60% delle preferenze; risultato che ha portato già Matteo Renzi ad ammettere la sconfitta e a complimentarsi con l'avversario.


Aggiornamento 21.55 – arrivano i primi dati definitivi di alcuni comuni. Bersani chiude in testa a Foligno con 2.054 voti (1.474 per Renzi), ma perde clamorosamente a Città di Castello (2.414 per Renzi contro 1.546 per Bersani), Spoleto (1.346 contro 1.258) e Assisi (630 contro 589 per il segretario nazionale del piddì). L'Umbria sembra quindi confermare il dato di domenica scorsa che ha visto un exploit del sindaco di Firenze.


Aggiornamento ore 21.00 – A Terni ha votato l'89% degli aventi diritto. Al momento sono stati scrutinati circa 800 voti e i due candidati sono testa a testa:


Aggiornamento ore 20.44- Urne chiuse alle 20 in punto. In questo momento, con un terzo delle urne scrutinate, il dato nazionale parla di Bersani oltre il 60% mentre Renzi si attesterebbe intorno al 38 %.


Aggiornamento ore 18 – sono stati resi noti pochi minuti fa i dati di affluenza alle urne nelle province di Terni e Perugia. Nella prima il trend è in linea con quello di domenica scorsa: alle 17 ha votato il 70% degli elettori. Lievemente più basso a Perugia che si attesta intorno al 67% (con punte del 69% a Perugia città e 62% a Città di Castello). “L’affluenza è comunque alta – dice al telefonino il segretario provinciale di Perugia Dante Andrea Rossi – e contiamo di chiudere almeno all’80-85% rispetto a sette giorni fa”. Dopo le polemiche innescate dal comitato pro Renzi di Terni (vedi sotto), non si segnalano problemi ai seggi. Dalla segreteria regionale si apprende che sono state 3.900 le richieste inviate da chi non si era iscritto domenica scorsa: nessuna è stata accolta dalla commissione elettorale.


Aggiornamento ore 15.30 – A Terni è polemica. A sollevarla è il comitato pro Renzi che in una nota dice: “schede e certificati elettorali sono stati lasciati a libera disposizione, i sigilli erano mancanti ovunque e, dove apposti, erano palesemente violati con totale mancanza di privacy e della correttezza della competizione tra i candidati. Tutte le nostre richieste di conoscere i dati, di regolarizzare e porre rimedio a tali incomprensibili inadempienze, sono rimaste inascoltate da parte della commissione elettorale provinciale per le primarie”. Pronta la replica della Commissione provinciale primarie con la nota di Gianni Fusi: “Il regolamento e le direttive regionali sono state rispettate in pieno. Ritengo che ci sia bisogno di più rispetto per tutti i volontari che hanno lavorato in questo mese per le primarie, supplendo con tantissima volontà ed entusiasmo a tutte quelle inevitabili problematiche che giornate di partecipazione democratica così dense possono rivelare. Se tutte le parti in gioco avessero agito con pari responsabità si sarebbero evitate alcune situazioni di difficoltà. E' inaccettabile ricevere una lezione di stile da quanti hanno evitato di contribuire a snellire il carico di lavoro sicuramente elevato e non facilitato dalle polemiche sui network nazionali”.


È partita alle 8.00 di questa mattina l'ultima sfida elettorale tra Renzi e Bersani per le primarie del PD. A quanto sembra c'è una discreta affluenza di elettori sia nella provincia di Perugia che in quella di Terni. Nella città dell'acciaio alle ore 13.00 avevano votato circa 2600 persone e al momento non è disponibile una proiezione attendibile sulle percentuali ottenute dai due candidati.

(foto il manifesto)


Condividi su:


Aggiungi un commento