Presentato il gruppo Fai a Città di Castello: alla scoperta dei tesori di Palazzo dei Priori - Tuttoggi

Presentato il gruppo Fai a Città di Castello: alla scoperta dei tesori di Palazzo dei Priori

Redazione

Presentato il gruppo Fai a Città di Castello: alla scoperta dei tesori di Palazzo dei Priori

Ven, 21/12/2012 - 17:08

Condividi su:


Un'affollata sala del consiglio comunale ha accolto, nei giorni scorsi, la presentazione del nuovo Gruppo Fai (Fondo ambiente italiano) di Città di Castello. E in cantiere ci sono già tanti progetti per l'immediato futuro. Il nuovo sodalizio subito entrato nel vivo, conducendo i partecipanti alla scoperta dei tesori del Palazzo comunale tifernate: un monumento sotto gli occhi di tutti. ma del quale in pochi conoscono la storia. Dopo la presentazione da parte della referente, Francesca Mavilla, sono stati gli stessi componenti a illustrare il palazzo: Sara Borsi si è occupata del contesto storico della nascita dei comuni medievali, mentre Francesca Mavilla ha ripercorso le fasi costruttive dell'edificio con gli arredi e l'apparato decorativo originario, di cui rimangono ora poche tracce in una “Madonna con Bambino” e una “Crocifissione”. Valentina De Lorenzi, analizzando le epigrafi di età romana murate alle pareti, ha ricostruito una parte delle storia della Tifernum Tiberinum, e Eleonora Reali ha illustrato le sculture, dal monumento al vescovo Giovanni Antonio Fuccioli alla statua in gesso dell'Umbria” realizzata da Elmo Palazzi. Sono stati poi gli altri membri del gruppo, tra i quali Giulio Masciarri ed Alvaro Tacchini, a trarre le conclusioni ed illustrare i progetti per il futuro.

Il gruppo parteciperà alle Giornate di Primavera del Fai in programma per il 23 e il 24 marzo 2013 e alle altre manifestazioni nazionali del Fai, ma intende fin da subito agire anche in autonomia attraverso iniziative a livello locale per meglio conoscere la nostra valle.

“Città di Castello e l'alta valle del Tevere – ha sottolineato la referente Francesca Mavilla – hanno bisogno di una presenza costante del Fai, in quanto costituiscono un territorio molto ricco di beni storico-artistici, paesaggistici ed etno-antropologici che necessitano di essere riscoperti, tutelati e valorizzati”.

Per l'occasione sono intervenuti la presidente regionale del Fai, Nives Maria Tei Coaccioli, e l'assessore alla Cultura tifernate Michele Bettarelli, che hanno espresso la loro soddisfazione per i progetti presentati.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!