Pesca di frodo alla diga di Montedoglio, sequestrati 4 quintali di pesce - Tuttoggi

Pesca di frodo alla diga di Montedoglio, sequestrati 4 quintali di pesce

Redazione

Pesca di frodo alla diga di Montedoglio, sequestrati 4 quintali di pesce

I carabinieri colgono in flagrante banda di "bracconieri ittici" intenti a ritirare a riva le reti di notte | Sfiorata la rissa con pescatori del luogo
Mer, 12/07/2017 - 19:15

Condividi su:


La pesca abusiva arriva anche sulle acque del Lago artificiale di Montedoglio. Un bottino di circa 4 quintali di lucci, carpe e persici anche di grandi dimensioni, e 500 metri di rete da pesca sono stati sequestrati dai carabinieri di Pieve Santo Stefano (Ar) e Sansepolcro (Ar), che hanno colto in flagranza di reato alcuni individui di origine romena i quali, in violazione della normativa vigente, avrebbero voluto rivendere il pesce appena pescato.

A segnalare ai carabinieri forestali la presenza di reti da pesca in alcune zone del bacino lacustre era stato proprio il personale incaricato al controllo della diga, che ha spinto i militari a predisporre servizi di controllo notturno sulle sponde del lago. Verso le ore 22.30 di lunedì (10 luglio), in località Bisolla, proprio di fronte al luogo dove erano appostati i Forestali, è sopraggiunto un furgone diretto verso la riva, da cui sono scese tre persone. Due di queste, servendosi di un gommone a motore, hanno iniziato a recuperare le reti da pesca, mentre la terza è rimasta sulla sponda a dirigere le operazioni.

Dopo circa due ore è giunto sul posto un altro furgone, munito di impianto frigorifero, con altre tre persone a bordo sempre di origini romene. Quest’ultimi sono stati fermati e interrogati dai Forestali ma non hanno voluto fornire spiegazioni sul perché si trovassero li a quell’ora di notte. Le due persone sul gommone a motore si sono invece rifiutate di raggiungere la riva, nonostante l’intimazione ad approdare, e si sono dileguate nell’oscurità. Fermato il terzo uomo arrivato con loro ma rimasto a terra.

A complicare la situazione è stato l’arrivo sul posto di altre persone, probabilmente pescatori abituali frequentatori del Lago, che hanno iniziato a inveire contro i “bracconieri ittici”, appena bloccati dai carabinieri, e a minacciarli. A disperdere i nuovi arrivati, evitando così che la situazione degenerasse in una rissa, ci hanno pensato sempre i militari. Una volta riportata la calma, le forze dell’ordine hanno provveduto a identificare i pescatori di frodo e a porre sotto sequestro il pescato. Recuperato e sequestrato anche il gommone, abbandonato dai fuggitivi in mezzo al lago.

I malviventi sono stati accompagnati per ulteriori accertamenti alla Stazione Carabinieri Forestali di Pieve Santo Stefano. A due di questi è stato contestato il reato di pesca, detenzione, trasbordo, sbarco, trasporto e commercio di specie ittiche in violazione della normative vigente. Si tratta del proprietario del furgone frigorifero, risultato essere anche il proprietario dell’altro furgone, e dell’uomo che dirigeva dalla riva le operazioni di recupero delle reti da pesca.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!