Perugia Pride Village, orgoglio LGBTI | "Si scrive laico, si legge libero" - Tuttoggi

Perugia Pride Village, orgoglio LGBTI | “Si scrive laico, si legge libero”

Redazione

Perugia Pride Village, orgoglio LGBTI | “Si scrive laico, si legge libero”

La "gestazione per altri" al centro del dibattito | Ricorso presentato dalle due mamme di 'Joan'
Dom, 25/06/2017 - 15:26

Condividi su:


Esplosione di colori al Perugia Pride Village in questa tre giorni di orgoglio LGBTI. Il programma ha avuto inizio già venerdì sera, con la notte arcobaleno e la parata del Pride. Ieri, sabato 24 giugno, spazio, insieme al divertimento e ai colori, anche a dibattiti e proiezioni di film. In particolare, si è discusso delle cosiddette GPA, le “gestazioni per altri”. Argomento quanto mai caldo insieme a quello del riconoscimento della genitorialità per coppie omosessuali, anche per via, sempre a Perugia, della mancata trascrizione dell’atto di nascita del piccolo Joan (nome di fantasia), figlio di due mamme.

Nel pomeriggio di oggi, tornano i dibatti. Alle 17, si parla di laicità, con Giacomo Leonelli, Segretario regionale PD; Gabriele Piazzoni, Segretario nazionale di Arcigay; On. Beatrice Brignone, Deputata di Possibile. Modera: Caterina Coppola (direttrice di gaypost.it). Questa sera poi, spazio allo spettacolo con Miss Drag Queen.

Il Perugia Pride Village – dicono da Omphalos – torna a scardinare le gabbie di odio che opprimono le nostre identità. Tre giorni di spettacolo, divertimento, dibattiti, politica e colori per liberare le identità e le loro differenze“. Un’edizione che già si annunciava particolarmente agguerrita, dopo la revoca del patrocinio a seguito della pubblicazione, da parte dell’associazione LGBTI della locandina, e con la città divisa sul tema del ‘rispetto dei diritti’.

>>> Gay pride a Perugia: battaglia a colpi di colori nel nome di una laicità violata

Intanto, a proposito del piccolo Joan, a cui il Perugia Pride Village di quest’anno è dedicato, giunge notizia sia stato ufficialmente presentato il ricorso in Tribunale dalle due mamme, che ora si trovano in Spagna insieme al piccolo di sei mesi. Le due giovani donne sono assistite, nelle pratiche di ricorso, dall’associazione Omphalos e dalla Rete Lendford.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!