Perugia, "nate 11 imprese al giorno" / Altissimo tasso "mortalità infantile" - Tuttoggi

Perugia, “nate 11 imprese al giorno” / Altissimo tasso “mortalità infantile”

Sara Minciaroni

Perugia, “nate 11 imprese al giorno” / Altissimo tasso “mortalità infantile”

Meno di due terzi delle imprese costituite nel 2011 è risultata ancora attiva nel 2014 / Molte imprese femminili, le giovanili sotto media
Mar, 03/02/2015 - 13:41

Condividi su:


“Le difficoltà non sono certo alle spalle, tutt’altro, ma sapere che nel 2014 in provincia di Perugia hanno avuto la forza di entrare in campo 4.057 nuove imprese, più di 11 al giorno, costituisce una buona iniezione di fiducia”. Sono stati presentati alla Camera di Commercio di Perugia i risultati di Movimprese, analisi statistica trimestrale della nati-mortalità delle imprese, per l’anno 2014. Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia ha dato questa lettura: “Nel 2014, anno di recessione,  il tessuto produttivo della provincia di Perugia ha retto,  riuscendo a confermare in termini numerici la stessa dimensione del 2013. Al 31 dicembre 2014 l’aggregato delle strutture aziendali localizzate in provincia (imprese registrate più unità locali) ha toccato le 86.715, appena lo 0,1% in meno rispetto  all’anno precedente. E’ questa la prova che il perdurare di una crisi economica mai così pesante, non ha piegato il nostro modo di fare impresa, caratterizzato dalla diffusione dell’esperienza imprenditoriale”.

Il Commercio si conferma il comparto più rilevante in termini di numerosità delle imprese, seguito a poca distanza da Agricoltura, Costruzioni, Manifatturiero e Servizi alle imprese. Le Imprese Femminili oltre il 24% del totale,  quelle Giovanili al 9% e le Imprese Straniere all’8,5%. Nel 2014, la dimensione numerica del tessuto produttivo perugino è rimasta complessivamente stabile rispetto al 2013. L’aggregato delle strutture aziendali localizzate nella provincia di Perugia (imprese registrate più unità locali) è stato nel 2014 pari a 86.715, stabile rispetto all’anno precedente (-0,1%). Il numero complessivo delle imprese registrate al 31/12/2014 è pari a poco più di 73.000 unità, in leggera diminuzione rispetto al 2013; anche il numero delle imprese “attive” è in calo (dello 0,7%, arrivando a poco meno di 62.500). Il numero delle unità locali segna, invece, un incremento del 2,2%. E’ questo il profilo del sistema economico provinciale nel 2014 che emerge da Movimprese,  l’analisi statistica trimestrale della nati-mortalità delle imprese, condotta da Infocamere sugli archivi di tutte le Camere di Commercio italiane. Tuttavia, nel 2014, un segnale negativo per il sistema produttivo perugino arriva dall’incremento del numero delle imprese in scioglimento e in liquidazione (+2,1%) e di quelle sottoposte a procedure concorsuali (+2,3%).

E preoccupa il tasso di sopravvivenza delle imprese perugine: tra quelle iscritte e classificate, meno di due terzi di quelle costituite nel 2011 è risultata ancora attiva nel 2014; tra le iscritte nel 2012, il 72% era ancora attivo dopo due anni. La “mortalità infantile” tra le imprese è maggiore tra le imprese individuali: in questo insieme, solo il 63% circa delle imprese iscritte nel 2011 è risultato ancora attivo nel 2014. Tra le imprese classificate, quelle in Trasporti e spedizioni e in Agricoltura hanno tassi di sopravvivenza nettamente superiori a quelle negli altri comparti; rispettivamente, l’89% e l’84% circa delle imprese avviate in questi comparti nel 2011 era ancora attivo nel 2014.

Il Commercio si conferma il comparto più rilevante in termini di numerosità delle imprese operanti, seguito a poca distanza da Agricoltura, Costruzioni, Manifatturiero e Servizi alle imprese. Aumenta del 2,2% il numero di unità locali operanti nella provincia. Le unità locali di imprese non umbre localizzate nella provincia sono oltre il 28%, evidenziando una buona capacità del territorio di attrarre attività produttive da altre regioni (almeno in termini di unità locali). Anche per quanto riguarda le unità locali di imprese perugine, la proiezione extraregionale risulta piuttosto elevata. Nel 2014, il sistema produttivo della provincia di Perugia vede una presenza di Società di capitali ancora piuttosto limitata, pari al 20,7% del totale delle imprese registrate, ma in crescita rispetto al passato.

Nel 2014, le Imprese femminili registrate a Perugia sono oltre il 24%, al di sopra del valore osservato in Umbria e in Italia. Le Imprese giovanili sono al 9,2%, meno diffuse di quanto lo siano a livello nazionale. Sono, invece, all’8,5% le straniere in misura analoga a quanto avviene in Italia (8,8%). Le Società di capitali perugine realizzano circa il 77-81% del valore della produzione, valore aggiunto dell’Umbria e, addirittura, il 125% dell’Ebit. In relazione a queste grandezze, i risultati della provincia di Perugia sono in linea con quelli nazionali e intorno al 5% della prima provincia italiana (Milano).

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!