Perugia, al S. Maria della Misericordia eseguito il primo trattamento percutaneo contro il tumore al rene - Tuttoggi

Perugia, al S. Maria della Misericordia eseguito il primo trattamento percutaneo contro il tumore al rene

Redazione

Perugia, al S. Maria della Misericordia eseguito il primo trattamento percutaneo contro il tumore al rene

Mer, 04/07/2012 - 15:11

Condividi su:


Perugia, al S. Maria della Misericordia eseguito il primo trattamento percutaneo contro il tumore al rene

E' stato eseguito per la prima volta presso l'Ospedale S.Maria della Misericordia di Perugia un trattamento percutaneo di termoablazione a microonde per la cura di un tumore primitivo del rene in un paziente umbro di 70 anni, per il quale era stato sconsigliato l'intervento chirurgico. La procedura è stata eseguita dai Dottori Corrado Malaspina e Matthias Joachim Fischer, della all'Area Funzionale Omogenea di Diagnostica per Immagini, di cui è Responsabile il Dottor Piero Floridi.

Gli stessi sanitari negli ultimi due mesi avevano trattato con risultati altrettanto positivi, utilizzando la medesima tecnica, altri tre pazienti, di cui uno di 45 anni, e gli altri due di 67 e 71 anni, ai quali erano state diagnosticate lesioni metastatiche epatiche: il trattamento eseguito ha permesso di verificare la completa scomparsa ecografica delle lesioni, documentata ad un mese di distanza dall'intervento.

“L'ablazione con microonde (MW) è una nuova e promettente metodica – osserva il Dottor Piero Floridi – capace di ottenere aree di necrosi più ampie e in tempi più rapidi rispetto all'ablazione con radiofrequenza, determinando una temperatura costante nell'intero volume di necrosi previsto e finendo per garantire la necrosi coagulativa di tutto il tessuto neoplastico”.

L'obbiettivo terapeutico messo in atto presso il S.Maria della Misericordia oltre ad avere una validità curativa, assume un rilievo importante come terapia di supporto palliativo: l'utilizzo delle microonde determina infatti una riduzione della sintomatologia dolorosa e il sanguinamento ricorrente.

La procedura attuata dai sanitari del nosocomio perugino trova applicazione nei pazienti con tumori epatici, primitivi e secondari, renali, polmonari, surrenali ed ossei, le cui condizioni cliniche o lo stadio di malattia sconsigliano o controindicano l'intervento chirurgico.

Aggiungi un commento