PD Spoleto, “Commissioni e Consiglio non convocati” | Polemica con l’Amministrazione

PD Spoleto, “Commissioni e Consiglio non convocati” | Polemica con l’Amministrazione

“Le vacanze sono finite, ingraniamo la marcia?” | “Bene il ritorno del Freccia Bianca, ma ringraziamo Regione e l’ex sindaco Cardarelli”

share

“Le vacanze sono finite, ingraniamo la marcia?”. Inizia così la nota del Partito Democratico di Spoleto che apre un nuovo fronte polemico con l’Amministrazione comunale del sindaco De Augustinis. Principale obiettivo del PD, la mancata convocazione delle Commissioni e del Consiglio comunale, nonostante le numerose problematiche sul tappeto.
“Tra crisi aziendali e investimenti sulle infrastrutture che tardano ad arrivare, ci chiediamo che fine abbia fatto l’amministrazione.– Aggiunge il PD nella nota stampa- Un consiglio comunale che lavora a pieno ritmo per una città che verte da tempo in uno stato di emergenza, sarebbe il minimo, se non altro per dimostrare, come più volte affermato dalla maggioranza in campagna elettorale, che Spoleto non è guidata da un sindaco “a mezzo servizio”.
Purtroppo, invece, dobbiamo finora constatare incomprensibili ritardi sul funzionamento della macchina istituzionale, tanto nella convocazione del consiglio comunale quanto nei lavori delle commissioni che non si sono mai riunite. 
“Dopo gli annunci per un non meglio precisato progetto dell’anfiteatro come cittadella della cultura– prosegue il PD- per cui il comune manco a dirlo è a caccia di idee, e il risultato del ritorno del freccia bianca, per il quale dobbiamo ringraziare principalmente la regione Umbria e l’ex sindaco Cardarelli su instancabile sollecitazione del comitato dei pendolari, è tutto fermo. 
Un programma striminzito e privo di idee e una mancanza di programmazione stanno cominciando a mostrare le prime falle di questa amministrazione.” 
“Bene il dialogo informale sui social di alcuni assessori ma la politica ha bisogno di luoghi, tempi e strumenti istituzionali. Bando, quindi, alla lentezza e alla politica improvvisata e “casareccia”– conclude la nota-Riteniamo indispensabile che questa amministrazione faccia finalmente funzionare a pieno ritmo i suoi organi istituzionali in seno al consiglio comunale e che manifesti finalmente le linee programmatiche che devono essere votate entro il 27 settembre, come da regolamento, augurandoci una visione “alta” per la nostra città.”

share

Commenti

Stampa