Pasqua, il messaggio di Cardinale Bassetti su rifugiati e Europa - Tuttoggi

Pasqua, il messaggio di Cardinale Bassetti su rifugiati e Europa

Redazione

Pasqua, il messaggio di Cardinale Bassetti su rifugiati e Europa

Il porporato dalle pagine dell'Osservatore Romano | Papa Francesco lo sceglie come autore delle meditazioni per la Via Crucis
Sab, 26/03/2016 - 18:07

Condividi su:


In questa Pasqua, alla “gioia immensa per il Risorto”, si unisce il “dolore inesprimibile per uno dei fenomeni più drammatici e complessi della modernità: quello dei rifugiati, degli sfollati e dei richiedenti asilo”. Lo afferma sulle pagine dell’Osservatore Romano il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, scelto quest’anno da papa Francesco come autore delle meditazioni per la Via Crucis di ieri sera al Colosseo, per il quale l’emergenza-profughi rappresenta “un’occasione irripetibile per costruire l’identità europea”.
Il problema profughi è “drammatico – dice Bassetti – per le durissime condizioni di vita di quei circa 60 milioni di uomini e donne in fuga dalla propria casa; complesso perché si scontra con un sentimento profondo dell’animo umano: la paura. La paura del diverso, dello straniero, del migrante”. Per il cardinale di Perugia, i campi dei rifugiati sembrano rappresentare “l’emblema doloroso di una Pasqua incompiuta”, mentre “la strada del calvario sembra non essere ancora finita”. “Le condizioni in cui si trovano a vivere questi esuli assomigliano molto di più a un ‘inferno’ – osserva – che a un lembo di Paradiso. Le notizie che arrivano dai campi dei rifugiati in Grecia, da Lesbo o da Idomeni, sono spaventose. Una distesa di fango e disperazione ai margini dell’Europa. Una distesa di miseria e dolore in bilico tra l’indifferenza e molte parole al vento”.
Ed è proprio la Pasqua, esorta il porporato, che “ci invita a ‘passare’ dalle parole ai fatti. Ci esorta a prendere cura degli ultimi. Ci invita ad agire. Soprattutto per un’Europa che sembra sempre più in difficoltà, stretta tra una crisi economica infinita e una profonda crisi di valori”. “E allora – aggiunge – quale miglior momento di questo per costruire concretamente un’Europa diversa, solidale e più umana? Quale migliore momento per dare un significato forte al volontariato internazionale? Quale migliore momento per le popolazioni europee – ma non solo per loro – di andare in soccorso verso chi è sofferente nei campi dei rifugiati e riscoprire, in questo modo, anche l’anima profonda e l’identità dell’Europa?”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!