Ospedale Foligno: reparto cardiologia terzo in Italia per trattamento infarto miocardico acuto - Tuttoggi

Ospedale Foligno: reparto cardiologia terzo in Italia per trattamento infarto miocardico acuto

Redazione

Ospedale Foligno: reparto cardiologia terzo in Italia per trattamento infarto miocardico acuto

Gio, 22/03/2012 - 18:52

Condividi su:


Grande riconoscimento di merito quello ottenuto dall’ospedale San Giovanni Battista di Foligno. Il Reparto di Cardiologia dell’Ospedale è infatti al terzo posto in Italia per il trattamento dell’infarto miocardico acuto. Il terzo gradino del podio per il San Giovanni Battista arriva direttamente dall’AGENAS (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) che ha condotto un’indagine elaborando una statistica su 1500 strutture nell’ambito del Programma Nazionale Esiti voluto dal Ministro della Salute, Renato Balduzzi con l’obiettivo di eliminare inefficienze e sprechi. Il Reparto di Cardiologia, diretto dal dottor Federico Patriarchi, nel trattamento dell’infarto miocardico acuto può vantare un tasso di mortalità a 30 giorni del 4,78% su 201 ricoveri ben al di sotto della media nazionale (10,95%). Ottima anche la performance del Reparto di Cardiologia del San Matteo degli Infermi di Spoleto, guidato dal dottor Giorgio Maragoni, che si attesta sul 6,71% su 117 ricoveri. La percentuale raggiunta dalla struttura folignate si discosta solo di un punto percentuale dalle strutture dell’Umberto I di Torino (3,8%) e dell’Ospedale di Legnano (3,9%) che occupano rispettivamente il primo ed il secondo posto. I reparti di Cardiologia di Foligno e Spoleto dell’Asl n3 sono le realtà regionali a vantare dati migliori a livello nazionale. A Perugia, per esempio, la percentuale è decisamente più alta con il 9,54% e anche Terni supera la media nazionale con il 10,39%. Ottime anche le percentuali dei ricoverati trattati con angioplastica entro le 48 ore: per Foligno la mortalità è del 3,96 (84 casi), mentre a Spoleto è solo del 1,96%. Per quanto riguarda infine il dato relativo ai pazienti non trattati con angioplastica, la percentuale di Foligno è dell’8,02% (72 casi), quella di Spoleto è 10,51% (63 casi). “Siamo molto soddisfatti per il prestigioso riconoscimento dei nostri ospedali – hanno commentato all’unisono il dottor Alessandro Laureti, Direttore Sanitario dell’Ospedale di Foligno e il dottor Luca Sapori, Direttore Sanitario dell’Ospedale di Spoleto – ringraziamo tutti i professionisti ed il personale sanitario e tecnico che sono stati supportati da tutti gli altri servizi dei due presidi. Questo risultato ci sprona ad impegnarci ancora di più – hanno concluso – e dimostra come sia necessario il completamento di tutto il percorso cardiologico di entrambe le strutture”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!