Orvieto, a ottobre il Censimento Permanente della Popolazione 2018

Orvieto, a ottobre il Censimento Permanente della Popolazione 2018

Tutte le fasi di lavorazione della raccolta dati dell’Istat

share

 Dal 1° ottobre 2018 è iniziato il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni.
Il Servizio Demografico del Comune di Orvieto rende noto che le famiglie campione coinvolte nella rilevazione riceveranno una lettera dall’ISTAT per rispondere al censimento e l’ISTAT comunicherà un Numero Verde gratuito per ricevere assistenza e tutte le informazioni necessarie relative alla rilevazione.
Il censimento si articolerà in due differenti modalità di rilevazione: AREALE e da LISTA.
• RILEVAZIONE AREALE:  FASI E CALENDARIO
FASE  1:  1^ OTTOBRE  – 12 OTTOBRE
Ricognizione e verifica degli indirizzi e sezioni campione;
FASE  2:  13 OTTOBRE – 11 NOVEMBRE
Rilevazione porta a porta delle persone dimoranti abitualmente presso gli indirizzi validati nella prima fase.
FASE  3:  12 NOVEMBRE – 25 NOVEMBRE
Verifica della lista di individui
• RILEVAZIONE DA LISTA:  FASI E CALENDARIO
FASE 1: 8 OTTOBRE – 7 NOVEMBRE
Restituzione dei questionari via INTERNET le famiglie possono compilare il questionario on line utilizzando le credenziali di accesso riportate nella lettera informativa ricevuta.
Fase 2:  8 NOVEMBRE – 20 DICEMBRE
Restituzione dei questionari e recupero delle mancate risposte. Le famiglie restituiscono i questionari compilati on-line da casa o presso il CCR (Centro Comunale Raccolta).
I CCR (Centri Comunali Raccolta) saranno aperti 3 volte a settimana con orari ancora da concordare.
Il Servizio demografico comunica inoltre che TUTTE LE INFORMAZIONI RACCOLTE CON LE 2 RILEVAZIONI DEVONO RIFERIRSI ALLA DATA DEL 7 OTTOBRE 2018. 
_____________________
La novità del Censimento 2018 è che, per la prima volta l’Istat rileva, con un cadenza annuale e non più decennale, le principali caratteristiche della popolazione dimorante sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche a livello nazionale, regionale e locale.
Il nuovo Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni non coinvolge tutte le famiglie che dimorano abitualmente sul territorio italiano, ma ogni anno un campione di esse: circa un milione e 400 mila famiglie, residenti in 2.800 comuni italiani.
Inoltre, solo una parte dei comuni (circa 1.100) è interessata ogni anno dalle operazioni censuarie, mentre la restante è chiamata a partecipare una volta ogni 4 anni. In questo modo, entro il 2021, tutti i comuni partecipano, almeno una volta, alle rilevazioni censuarie.
Grazie all’uso integrato di rilevazioni statistiche campionarie e dati provenienti da fonti amministrative, il Censimento permanente è in grado di restituire annualmente informazioni che rappresentano l’intera popolazione, ma anche di contenere i costi e il disturbo statistico sulle famiglie. Informazioni necessarie ai decisori pubblici (Stato, Regione, Provincia, Comune), alle imprese, alle associazioni di categoria, a enti e organismi che le utilizzano per programmare in modo ragionato, pianificare attività e progetti, erogare servizi ai cittadini italiani e agli stranieri che vivono in Italia e monitorare politiche e interventi sul territorio.
A partire dall’anno 2021, con cadenza quinquennale, la popolazione legale sarà determinata con decreto del Presidente della Repubblica sulla base dei risultati del Censimento permanente della popolazione.  (Fonte: ISTAT)

share

Commenti

Stampa