Operaio muore investito da collega durante i lavori sulla carreggiata

Operaio muore investito da collega durante i lavori sulla carreggiata

Tragedia lungo il tratto umbro dell’autostrada A1, l’operaio 57enne è morto sul colpo | E nel pomeriggio chiuso il tratto tra Fabro e Chiusi per un veicolo in fiamme

share

Terribile incidente sul lavoro martedì mattina, con un operaio che è stato investito da un collega mentre era impegnato nei lavori di rifacimento della carreggiata. E’ accaduto intorno alle 11,15 lungo l’A1, a pochi chilometri dal casello di Orvieto, nel tratto umbro dell’autostrada.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia stradale, intervenuta sul posto, l’operaio, 57enne residente a Orte e dipendente di un’azienda privata che operava per conto di Autostrade per l’Italia, è stato investito da un collega che stava guidando in retromarcia un mezzo da cantiere. L’incidente è avvenuto infatti in un tratto autostradale dove era presente un cantiere per il rifacimento della carreggiata. Inutili i soccorsi per l’operaio, morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti anche il 118 ed il personale dell’ispettorato del lavoro. Sull’incidente mortale è stata aperta una inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Terni.

Veicolo in fiamme, chiuso tratto tra Fabro e Chiusi

Nel pomeriggio, invece, sempre nel tratto umbro dell’autostrada A1, ma più a nord, lunghe code per un mezzo pesante in fiamme. Autostrade per l’Italia comunica infatti che sulla A1 Milano – Napoli tra Fabro e Chiusi in direzione di Firenze, si è resa necessaria la chiusura del tratto per un mezzo pesante in fiamme all’altezza del km 411+300.

All’interno del tratto chiuso il traffico è bloccato con 5 km di coda. Per le lunghe percorrenze consigliamo di uscire ad Orte, prendere la E45 in direzione Perugia e rientrare in A1 a Valdichiana. Per le brevi percorrenze di uscire a Fabro, poi seguire per Fabro Scalo, Ponticelli, Chiusi Scalo e rientrare in A1 a Chiusi-Chianciano Terme. Sul posto sono presenti personale di Autostrade per l’Italia e della Polizia Stradale.

share

Commenti

Stampa