Omicidio volontario, arrestato il collega del carabiniere Lucentini - Tuttoggi.info

Omicidio volontario, arrestato il collega del carabiniere Lucentini

Redazione

Omicidio volontario, arrestato il collega del carabiniere Lucentini

E' questa l'ipotesi di reato mossa da Procura di Spoleto | Prove balistiche e intercettazioni a supporto
Gio, 16/07/2015 - 10:10

Condividi su:


Si fa realtà l’ipotesi più drammatica, quella che ieri ha portato all’arresto del carabiniere Emanuele Armeni dalla sua casa di Castel Ritaldi: l’accusa mossa dalla Procura competente è quella di omicidio volontario del collega Emanuele Lucentini.
Il tragico episodio si era consumato il 16 maggio scorso, poco prima delle 8 di mattina, nella Caserma di Foligno, dove i due lavoravano, al rientro di un turno di pattuglia notturna passata insieme. Uno sparo partito  dalla mitraglietta M12 in dotazione e per l’appuntato scelto, 50 anni originario di Tolentino, ma umbro ormai da anni, fu la morte. Soccorso immediatamente, l’uomo spirò qualche ora dopo all’ospedale folignate.
Si parlò di tragico incidente in un primo momento, nelle prime battute delle indagini condotte dalla stessa Benemerita, poi trasferite su richiesta del Procuratore di Spoleto Cannevale alla Polizia di Stato. Un’ipotesi che, alla luce dei rilievi, ricostruzioni, interrogatori, prove balistiche  e intercettazioni realizzate dal Ros e dalla Questura di Perugia, si tramuta oggi in accusa di omicidio volontario. Un’accusa così forte da far richiedere al Procuratore e dal suo Sostituto Petrini anche l’aggravante di premeditazione. Aggravante non accolta dal Gip.
Bisognerà leggere le motivazioni descritte nell’ordinanza di custodia cautelare per conoscere il movente che avrebbe spinto il carabiniere umbro a premere il grilletto contro il collega, ragioni sulle quali viene mantenuto dagli inquirenti il massimo riserbo, ma che potrebbe essere riconducibile in ambito di rapporti personali.
Intanto da ieri Emanuele Armeni, è agli arresti, notificati e avvenuti intorno alle 13 ad opera di tre pattuglie della Squadra Mobile di Perugia, ed è detenuto nella casa circondariale di Spoleto.
Sara Cipriani e Sara Minciaroni

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!