Nuovi valichi montani, i cacciatori non ci stanno

Nuovi valichi montani, i cacciatori non ci stanno

Massimo Sbardella

Nuovi valichi montani, i cacciatori non ci stanno

Sab, 01/05/2021 - 12:17

Condividi su:


Nuovi valichi montani, i cacciatori non ci stanno

Lettera unitaria delle associazioni venatorie contro l'istituzione a Bocca Trabaria, Fossato di Vico e Carosina: eccezionali rifugi per i cinghiali

Nuovi valichi montani, i cacciatori non ci stanno. Circa 942 ettari di boschi e prati (in parte al confine con le Marche) nei quali non si potrà cacciare.

E così i presidenti delle associazioni umbre Federcaccia, Arci Caccia, Anuu, Cpa, Enalcaccia e Libera Caccia hanno scritto all’assessore Roberto Morroni chiedendo che la Regione revochi la decisione assunta. Del resto, evidenziano le associazioni venatorie, nelle sedute di consulta è stato evidenziato come la proliferazione dei cinghiali (tema che ha portato all’istituzione di un Tavolo regionale permanente) sia anche conseguenza delle aree protette dove questi animali possono rifugiarsi e riprodursi.

Nuovo Calendario venatorio,
polemica per i valichi montani

Le associazioni ritengono che i nuovi valichi, come altri già esistenti, non hanno una qualità tale da giustificarne la tutela. E invece si continua a limitare quasi del 5% l’anno la superficie dove la caccia è consentita.

Perché il valico montano, per proteggere le rotte migratorie, disegna un cerchio del raggio di un chilometro in cui non si può cacciare, con un forte impedimento soprattutto per la caccia al cinghiale. Tra l’altro per proteggere una fauna migratrice che secondo i cacciatori umbri non corre alcun pericolo.

Inoltre le associazioni contestano le valutazioni tecniche che hanno portato ad istituire i tre valichi montani a Bocca Trabaria, Fossato di Vico e Carosina. Che, trovandosi a basse quote, rischiano di diventare luoghi eccezionali per lo svernamento dei cinghiali.

Cinghiali, le proposte di modifica dei regolamenti
al Tavolo regionale | Nodo coprifuoco alle 22

Per queste le associazioni venatorie giudicano l’istituzione dei tre valichi montani “un atto anacronistico e contro la caccia programmata di oggi“. Un atto che, sottolineano, non trova riscontro nelle scelte delle confinanti Regioni Marche e Toscana.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!