Nodo, scontro Melasecche - Romizi | L'assessore: serve il coraggio di decidere

Nodo, scontro Melasecche – Romizi | L’assessore: serve il coraggio di decidere

Redazione

Nodo, scontro Melasecche – Romizi | L’assessore: serve il coraggio di decidere

Lun, 26/04/2021 - 09:21

Condividi su:


Replica al sindaco di Perugia che in Commissione aveva criticato la "fuga in avanti" della Regione sul Nodino: serve il coraggio di decidere

Chiede “coesione”, “intelligente capacità di fare”, “volontà e coraggio di decidere”, l’assessore regionale Enrico Melasecche. Il destinatario, neppure troppo velato, è il sindaco di Perugia Andrea Romizi, che si oppone al progetto del Nodino, la variante stradale, anticipo del Nodo che avrebbe dovuto risolvere i problemi della viabilità tra Collestrada e Ponte San Giovanni.

Nodino caso nazionale, Romizi contro
la “fuga in avanti” della Regione

Valori che Melasecche riconosce nella presidente Tesei. Che nel suo programma, tra le altre cose, è intenzionata a mettere mano alle grandi incompiute dell’Umbria. Di cui l’emblema è la diga sul Chiascio, appena inaugurata, dopo essere rimasta ferma quarant’anni. Un felice epilogo atteso da altre opere in Umbria: E78, Tre Valli, e tra le ferrovie la Orte-Falconara e la Foligno-Terontola e la riapertura della FCU.

L’imbuto E45 a Collestrada

Opere che “sono oggi a portata di mano” rivendica Melasecche. Che aggiunge: “Alle elucubrazioni teoriche è venuto il momento di sostituire le realizzazioni“. Nella convinzione che sul tema delle infrastrutture e dei trasporti si gioca la competitività dei territori. Con l’Umbria già costretta ad inseguire.

Non possiamo voltarci dall’altra parte rispetto a quell’imbuto pericoloso di Collestrada sulla E45″ dice l’assessore regionale. Per il quale occorre “metter mano in modo conclusivo al problema, nel modo migliore possibile“.

Melasecche riporta Romizi con i piedi a terra: “Nessuno può pensare che si possano realizzare opere da 200 + 500 milioni, come il Nodo, a dispetto del sindaco del capoluogo di regione“. E aggiunge: “E’ però altrettanto chiaro che chiunque intenda dire no, o rinviare ancora quella scelta, non può farlo non assumendosi le proprie responsabilità di fronte alla intera pubblica opinione, perché il benaltrismo con cui alcuni rilanciano altri sedimi di fantasia o altre soluzioni comporta il ricominciare tutto daccapo e di fatto cassare per sempre quell’opera“.

Nuova rampa “già acquisita”

Melasecche poi chiarisce sulla proposta di ampliare la rampa di accesso al Raccordo: “La riqualificazione dello svincolo di Ponte San Giovanni con la creazione di altre due corsie sulle rampe è cosa già acquisita in quanto l’ho concordata da tempo con l’Anas. Per cui si sta lavorando alla relativa progettazione e, con il finanziamento disponibile, potrebbe essere cantierata a breve. Continuare a chiederla serve solo a creare confusione nella pubblica opinione“.

I flussi di traffico

Chi contesta il Nodino ritiene che sia inutile, sulla base degli studi relativi al flusso di traffico, effettuati negli anni Novanta. Il cui aggiornamento è atteso a breve. “Dichiarare da parte di alcuni che togliere il 20% del traffico di attraversamento è nulla – attacca Melasecche – costituisce una evidente strumentalità, semplicemente perché è proprio quel 20% che impedirebbe all’acqua di traboccare dal vaso. Senza contare, una volta realizzato il II stralcio Madonna del Piano-Silvestrini-Corciano, l’abbattimento notevole del traffico in attraversamento dentro le gallerie di Perugia“.

I rapporti tra Comune e Regione

A Melasecche non sono piaciute le parole dette da Romizi in Commissione sulla “fuga in avanti” e sulla scarsa “serietà” della Regione nel riprendere in mano il progetto del Nodino senza coinvolgere i territori interessati.

Lamentare poca attenzione serve solo a creare equivoci” replica l’assessore. Che parlando da “umbro a tutto tondo” ricorda i tanti progetti che stanno partendo su Perugia, “grazie alla Regione“: dal trasporto rapido di massa alla rigenerazione urbana, dalle politiche per la casa nella riqualificazione del Quartiere di Fontivegge al rifinanziamento del Minimetro e del Freccia Rossa. Per non citare l’impegno rilevante sull’aeroporto.

La Gronda Nord

E rivendica anche di aver tentato di “rimettere in pista” nel PNRR la “Gronda Nord” per Perugia per completare con il Nodo la circonvallazione di nord-est realizzando una galleria da Ponte Rio a Santa Lucia.

Bacchettata a Romizi sulla Fcu

A chi serve dunque – chiede Melasecche – alzare barricate? Certo, su altro versante – bacchetta l’assessore regionale – sto aspettando da mesi di poter definire con il Comune di Perugia come chiudere quattro passaggi a livello della Fcu, su richiesta pressante quanto giustificata dei comuni dell’Alto Tevere che sono stanchi di dover mettere quasi due ore per giungere da Città di Castello a Perugia. Come in tutte le migliori famiglie, per avere occorre anche essere disponibili a comprendere i problemi degli altri“.

Il “nodo” che il centrodestra deve sciogliere

L’ottimismo della ragione – conclude Melasecche – alla fine non può non prevalere“. La partita del Nodo (o, intanto, del Nodino), sull’asse Perugia-Terni-Roma è ancora aperta. Un “nodo”, è proprio il caso di dare, che il centrodestra umbro deve sciogliere.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!