Nodino, i 5 "paletti" di Progetto Perugia

Nodino, i 5 “paletti” di Progetto Perugia

Redazione

Nodino, i 5 “paletti” di Progetto Perugia

Lun, 22/11/2021 - 18:34

Condividi su:


Invito ai rappresentanti di Regione e Comuni di Perugia e Torgiano a lasciare dichiarazioni estemporanee e lavorare ad una soluzione condivisa

Nel dibattito “Nodino sì, Nodino no”, anche Progetto Perugia dice la sua. Ed è una parola pesante, forte dei 5 consiglieri e dei 3 assessori che esprime a Palazzo dei Priori.

Per Progetto Perugia il tema non è se fare il Nodino, ma come realizzare la bretella e le altre opere per decongestionare il traffico, impattando il meno possibile sull’ambiente.

“Comprendiamo e anche condividiamo – la premessa di Progetto Perugia – l’obiettivo di Anas di voler fluidificare il traffico che percorre la E45 tra Orte e Cesena, evitando ai mezzi in attraversamento del nostro territorio – in particolare a quelli pesanti – di ingolfarsi nell’area di Ponte San Giovanni e contribuire ad una situazione, ormai, di vero e proprio caos del tratto dell’E45. Allo stesso tempo, per consentire ai Comuni ed alla cittadinanza di valutare consapevolmente la realizzazione dell’opera è indispensabile che vengano chiarite alcune questioni”.

I cinque “nodi” da sciogliere

Cinque “nodi”, per restare in tema, che per Progetto Perugia devono essere sciolti. Da qui le altrettante domande all’Anas.

A cominciare dal raddoppio di corsia della rampa di accesso al Raccordo dalle E45: verrà finalmente realizzato? Ricordando che da lì tutti i giorni passa l’80% del traffico ed è in quel punto che si creano le code.

“Verrà realizzato il raddoppio di corsia da e per Foligno allo svincolo di Collestrada?” chiede Progetto Perugia a proposito di un altro punto critico.

E ancora: “Quale sarà l’impatto ambientale che avrà la realizzazione del nodino? È necessario ‘vedere’ prima cosa accadrà alla collina e al bosco di Collestrada”, chiedendo ad Anas e Regione Umbria di presentare ‘rendering’ realistici.

L’altra questione da chiarire è come saranno risarcite le aziende, le imprese agricole e le altre proprietà private dell’area su cui passerà il tracciato.

L’ultima questione è garantire che Anas provveda poi alla manutenzione dell’opera.

Per questo Progetto Perugia chiede che Regione Umbria, Anas e i Comuni di Perugia e Torgiano di costituire un gruppo di lavoro tecnico-politico che individui “soluzioni efficaci ed accettabili” sulle questioni che il Nodino pone. Individuando poi le modalità di partecipazione con i cittadini e le forze politiche dei Comuni di Perugia e Torgiano.

Nel frattempo, si chiede ai rappresentanti istituzionali di Regione e dei Comuni interessati di “mettere da parte dichiarazioni estemporanee e unilaterali”, per lavorare insieme a risolvere una questione strategica.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!