“Nei secoli fedele”: a Perugia le celebrazioni dei Carabinieri per la patrona Virgo Fidelis -foto - Tuttoggi

“Nei secoli fedele”: a Perugia le celebrazioni dei Carabinieri per la patrona Virgo Fidelis -foto

Redazione

“Nei secoli fedele”: a Perugia le celebrazioni dei Carabinieri per la patrona Virgo Fidelis -foto

Lun, 21/11/2011 - 15:54

Condividi su:


“Nei secoli fedele”: a Perugia le celebrazioni dei Carabinieri per la patrona Virgo Fidelis -foto

Sono state celebrate stamattina, presso l’Abbazia di San Pietro in Borgo XX giugno, le ricorrenze della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri, del 70° anniversario della “Battaglia di Culqualbert” e della “Giornata dell’Orfano”.

All'interno dell'Abbazia è stata officiata la messa dall'arcivescovo Bassetti. Alla celebrazione, hanno preso parte molte Autorità locali, militari e civili, oltre che una nutrita rappresentanza di Carabinieri della Legione Umbria e del Comando Provinciale di Perugia, dei soci e delle benemerite delle Sezioni dell’Umbria dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo e della Rappresentanza militare. Presenti, inoltre, alcune vedove, orfani e parenti di militari dell’Arma caduti nell’espletamento del servizio.

Nell'Arma il culto alla “Virgo Fidelis” iniziò subito dopo l'ultimo conflitto mondiale per iniziativa di mons. Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, ordinario militare d'Italia, e di Apolloni S.J., cappellano militare capo. Lo stesso comandante generale prese a cuore l’iniziativa e bandì un concorso artistico per un’opera che raffigurasse la vergine, patrona dei carabinieri. Lo scultore architetto Giuliano Leonardi rappresentò la Vergine in atteggiamento raccolto mentre, alla luce di una lampada, legge in un libro le parole profetiche dell’apocalisse: “sii fedele sino alla morte” (Apoc.2,10)”.

La scelta della Madonna “Virgo Fidelis”, come celeste Patrona dell'Arma, è indubbiamente ispirata alla fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, è caratteristica dell'Arma dei Carabinieri che ha per motto: “Nei secoli fedele”.

L'8 dicembre 1949 Sua Santità Pio XII di v.m., accogliendo l'istanza di S.E. Mons. Carlo Alberto di Cavallerleone, proclamava ufficialmente Maria “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”, fissando la celebrazione della festa il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e della ricorrenza della battaglia di Culqualber.

La battaglia di Culqualber è stata combattuta in Abissinia (l'attuale Etiopia) dal 6 agosto al 21 novembre 1941 fra italiani e britannici. In quella battaglia il 1° Gruppo Mobilitato dei Carabinieri ed altri reparti si immolarono quasi al completo con tale valore che ai pochi sopravvissuti gli avversari tributarono l'onore delle armi.

La caduta del caposaldo di Culqualber fu comunicata agli italiani con il Bollettino delle FF.AA. n. 539 del 23 novembre 1941: « … gli indomiti reparti di Culqualber-Fercaber, dopo aver continuato a combattere anche con le baionette e le bombe a mano, sono stati infine sopraffatti dalla schiacciante superiorità numerica avversaria. Nell'epica difesa si è gloriosamente distinto, simbolo del valore dei reparti nazionali, il Battaglione Carabinieri, il quale, esaurite le munizioni, ha rinnovato sino all'ultimo i suoi travolgenti contrattacchi all'arma bianca. Quasi tutti i Carabinieri sono caduti». Per l'epica resistenza di Culqualber la Bandiera dell'Arma è stata insignita di una seconda Medaglia d'Oro al Valor Militare

Si è celebrata oggi, infine, la “giornata dell'orfano”, dedicata ai figli dei militari che hanno perduto la vita in servizio e che vengono assistiti dall’ONAOMAC (Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei militari dell'Arma dei Carabinieri). Oggi l' Ente assiste circa 1000 orfani, a ciascuno dei quali eroga sussidi semestrali (assegni di studio e premi di profitto), distinti per fasce d'età, sino al compimento degli studi.

L'assistenza agli orfani disabili, invece, è a vita. L'attività assistenziale che essa realizza in favore degli orfani è resa possibile prevalentemente da contributi volontari mensili elargiti dai militari di ogni grado dell’Arma dei Carabinieri (che rappresentano circa il 90 % delle entrate). Ciò costituisce motivo di vanto e orgoglio per l'Arma perché è testimonianza concreta del legame ideale che unisce l'Istituzione alle famiglie dei colleghi meno fortunati.

A tal proposito, al termine della cerimonia a nome dell’ONAOMAC, il Comandante della Legione, Col. Antonio Pietro Marzo, ha consegnato vari assegni di studio ad alcuni orfani di militari dell’Arma caduti nell’assolvimento del dovere nella Regione Umbria.

Foto: Stefano Dottori

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!