Nasconde 1 kg di marijuana in una botte di cemento, arrestato dai carabinieri - Tuttoggi

Nasconde 1 kg di marijuana in una botte di cemento, arrestato dai carabinieri

Redazione

Nasconde 1 kg di marijuana in una botte di cemento, arrestato dai carabinieri

Ed i carabinieri della Compagnia di Assisi sventano anche un furto e portano in carcere un uomo evaso dai domiciliari
Mer, 08/05/2019 - 10:34

Condividi su:


Nasconde 1 kg di marijuana in una botte di cemento, arrestato dai carabinieri

Aveva nascosto 1 kg di marijuana in una vecchia botte di cemento lungo la strada. Ma i suoi movimenti non sono passati inosservati ai carabinieri, che dopo un appostamento hanno colto in flagrante il giovane mentre tornava a prendere la droga.

Il ragazzo era stato notato più volte scendere dalla propria auto in una zona di campagna, a Rivotorto di Assisi. I carabinieri della stazione di Bastia Umbra e quelli del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Assisi hanno quindi dato corso a controlli. E perlustrando la zona hanno notato il manufatto di cemento dove era stata nascosta la marijuana, divisa in 4 buste.

I militari hanno quindi immediatamente attivato il servizio di osservazione ritenendo probabile che il giovane tornasse a prelevare droga nel corso della giornata per consegnarla ai clienti. Ed effettivamente, poco dopo il ragazzo è sopraggiunto a bordo della propria autovettura; sceso dal mezzo si è avvicinato con fare furtivo al manufatto ed ha tentato di prelevare un po’ di stupefacente, ma è stato immediatamente fermato dai militari.

La successiva perquisizione dell’auto ha consentito di trovare, nella tasca porta oggetti lato conducente, una busta di cellophane trasparente con all’interno due grammi della stessa sostanza pronti per lo spaccio oltre a bustine vuote e altro materiale per il confezionamento. Nell’abitazione gli uomini dell’Arma hanno proceduto al sequestro del bilancino elettronico di precisione, che il giovane teneva tranquillamente sopra al proprio comodino.

Per il giovane è scattato l’arresto per la detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente.  L’uomo, di origini straniere ed incensurato, è stato tradotto ai domiciliari presso la propria abitazione in attesa del rito direttissimo.

Ladro non rispetta misure cautelari due volte, finisce in carcere

Sempre i carabinieri della Compagnia di Assisi, guidati dal capitano Giulia Maggi, hanno intensificato i controlli del territorio per prevenire furti (nelle case, nei negozi e sulle auto in sosta) e spaccio. E le ulteriori operazioni effettuate negli ultimi giorni hanno portato a due arresti in flagranza di reato ed un’esecuzione di un ordine di carcerazione.

E gli uomini dell’Aliquota Radiomobile hanno sventato proprio un furto, notando, all’interno di un parcheggio nei pressi della basilica di Santa Maria degli Angeli, un uomo che si aggirava tra i mezzi in sosta con fare sospetto. Postisi in osservazione lo hanno subito riconosciuto quale soggetto dedito ai furti e sono intervenuti onde evitare il perpetrarsi dell’attività delittuosa. Al controllo è emerso che il ragazzo si trovava in loco in violazione delle prescrizione connesse alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Bastia Umbra.

I militari hanno tratto in arresto il giovane, accompagnandolo ai domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’udienza di convalida e del successivo rito per direttissima, come previsto dalle norme vigenti. Ma al successivo controllo il ragazzo risultava essersi allontanato dall’abitazione senza alcuna autorizzazione. I Carabinieri hanno allora attivato mirate ricerche, in luoghi abitualmente frequentati dall’uomo, anche per procacciarsi lo stupefacente. Dopo qualche ora il ragazzo è stato rintracciato in condizioni di palese alterazione psico-fisica ed in possesso di una siringa da insulina, mentre tentava di nascondersi in una rimessa nei pressi della sua abitazione. Per lui è scattato nuovamente l’arresto, questa volta per evasione. L’uomo, straniero con precedenti specifici per reati contro il patrimonio, è stato tradotto al carcere di Capanne.

I Carabinieri di Santa Maria degli Angeli, infine, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione e contestuale sospensione, nei confronti di un cinquantenne italiano, condannato a tre anni di reclusione per aver commesso i reati di lesioni personali, maltrattamenti in famiglia e furto in abitazione nell’anno 2018 nel folignate.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!