Multe ai cacciatori dalle guardie Wwf, chiesta l'audizione in Regione

Multe ai cacciatori dalle guardie Wwf, chiesta l’audizione in Regione

Redazione

Multe ai cacciatori dalle guardie Wwf, chiesta l’audizione in Regione

Lun, 14/09/2020 - 14:55

Condividi su:


Multe ai cacciatori dalle guardie Wwf, chiesta l’audizione in Regione

Multe ai cacciatori da guardie del Wwf senza titolo, chiesta un’audizione della Terza Commissione in Regione. Il consigliere regionale della Lega, Valerio Mancini, chiede che vengano convocati in commissione l’assessore alla Caccia Roberto Morroni, il responsabile del Servizio Gestione Faunistica e Protezione Ambientale della Provincia di Perugia, insieme ai rappresentanti di Liberacaccia, Federcaccia, Enalcaccia e del Wwf .

Il rinvio a giudizio delle guardie del wwf

Ciò alla luce della notizia – emersa nella recente audizione in Provincia di Perugia del presidente della Libera Caccia Umbria Lando Loretoni e dell’avvocato Marzio Vaccari, che tutela l’associazione – che in questi giorni di preapertura stanno effettuando controlli, multe e sequestri ai cacciatori guardie volontarie del Wwf rinviate a giudizio dal Tribunale di Spoleto perché in precedenza avrebbero operato senza avere il necessario decreto della stessa Provincia. Per il Wwf, tuttavia, il solo decreto prefettizio era abilitante.

“La magistratura farà il suo corso – afferma il consigliere Mancini –
ma le incongruenze denunciate da Liberacaccia, rendono necessari ulteriori chiarimenti”.

L’audizione in Commissione regionale

Per questo ha richiesto alla presidente della Terza Commissione,
Eleonora Pace, che vengano convocati in Commissione le persone direttamente interessate dalla vicenda che si trascina ormai da 3 anni. Da quando cioè il legale della Libera Caccia, Vaccari, sollevò la questione della mancanza di titolo da parte di alcune guardie volontarie del Wwf.

Mancini: necessario un confronto

Questione tornata d’attualità con l’avvio della stagione venatoria. E con la Libera Caccia che ha chiesto formalmente che il decreto in materia ittico-venatoria,poi rilasciato dalla Provincia nell’ottobre del 2018, venga revocato a quelle guardie che sono state rinviate a giudizio.

“Ritengo necessario – conclude Mancini – istituire un dialogo con tutti i soggetti interessati cosicché possa nascere un confronto in grado di produrre risposte e chiarimenti”.

Le multe

La Regione Umbria ha già annullato, per chi aveva presentato istanza, multe effettuate dalle guardie del Wwf in questione prima di aver ottenuto il decreto della Provincia.

La stessa Provincia di Perugia, nell’agosto del 2019, aveva approvato un ordine del giorno, di iniziativa del consigliere Marcello Rigucci, in cui si chiedeva all’ente di attivarsi presso la Regione affinché fossero automaticamente annullate le multe fatte ai cacciatori e ai pescatori dalle guardie giurate volontarie che non avevano il decreto abilitativo.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Verisone più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!