MOZIONE URGENTE DEL CONSIGLIERE COMUNALE STEFANIA FILIPPONI (IMPEGNO CIVILE) SULLA VUS S.P.A. - Tuttoggi

MOZIONE URGENTE DEL CONSIGLIERE COMUNALE STEFANIA FILIPPONI (IMPEGNO CIVILE) SULLA VUS S.P.A.

Redazione

MOZIONE URGENTE DEL CONSIGLIERE COMUNALE STEFANIA FILIPPONI (IMPEGNO CIVILE) SULLA VUS S.P.A.

Mar, 28/06/2011 - 10:01

Condividi su:


MOZIONE URGENTE DEL CONSIGLIERE COMUNALE STEFANIA FILIPPONI (IMPEGNO CIVILE) SULLA VUS S.P.A.

Il capogruppo in consiglio comunale di Impegno Civile, Stefania Filipponi, ha inviato al presidente del consiglio comunale, Sergio Gentili, una mozione urgente con oggetto “VUS spa”. Questo il testo:
“Il Consiglio Comunale di Foligno
Premesso che

• Con nota 25 maggio 2011 era stato richiesto al coordinatore della II Commissione, nell’ambito delle specifiche competenze della stessa, di convocare con urgenza sia i vertici aziendali VUS che le organizzazioni sindacali per chiarire quelli che vengono ritenuti dagli stessi sindacati “anomali inquadramenti superiori …. predeterminando le carriere di alcuni lavoratori rispetto ad altri”.
• Si era altresì richiesto “che la società V.U.S. spa, soggetta al controllo analogo del Comune di Foligno, provvedesse a chiarire ed illustrare la situazione occupazionale dell’azienda relativamente ai servizi svolti ed al numero degli abitanti del territorio di riferimento”.
• All’inizio della seduta del Consiglio Comunale del 26 maggio, appresa la notizia della sentenza del Giudice del Lavoro, che ordinava a V.U.S. spa il reintegro di un precario, Impegno Civile aveva ulteriormente sollecitato l’incontro con i vertici sindacali, aziendali e i lavoratori precari e interinali.
• Non avendo ricevuto alcun riscontro, con ulteriore istanza del 4 giugno 2011, sempre indirizzata al Coordinatore della II Commissione, si è rinnovata la richiesta di convocare con urgenza la II Commissione per approfondire tutte le questioni relative alla gestione del personale da parte di V.U.S. spa. Anche tale richiesta è rimasta inevasa.
Stigmatizzato
• Il comportamento del Coordinatore della II Commissione, che nonostante l’attenzione che ha sempre sostenuto avere nei confronti dei diritti di tutti i lavoratori, ha omesso di convocare la riunione della II Commissione, pur essendo a conoscenza della situazione occupazionale della VUS spa;
Ritenuto che
• La società VUS S.p.A. è sottoposta al controllo analogo dal Comune di Foligno,
• E’un “diritto dovere” dell’Amministrazione Comunale valutare la situazione occupazionale della V.U.S spa cercando, per quanto possibile, di chiarire la fondatezza delle pesanti censure mosse da parte del Sindacato UILCEM, in ordine alla gestione del personale VUS, in merito a:
presunti favoritismi nei confronti di taluni dipendenti,
immobili adibiti a civile abitazione all’interno del depuratore Casone, con conseguente violazione delle norme sulla sicurezza, disparità di trattamento tra il personale acqua –gas e quello igiene urbana,
mancata razionalizzazione delle sedi con spreco di denaro pubblico.
– Oltre a ciò c’è la grave situazione dei precari e degli interinali, che necessita di un sollecito e intervento, se non altro per chiarirne le problematiche, nell’ottica della tanto declamata “legalità, etica e correttezza”.
– Nel frattempo l’Azienda si trova sotto organico, tanto che autisti e operatori generici effettuano il doppio turno, con conseguente pagamento degli straordinari;
tutto ciò premesso
IL CONSIGLIO COMUNALE DI FOLIGNO
Impegna il Sindaco e la Giunta
– A convocare un Consiglio Comunale aperto affinché, con la partecipazione dei vertici sindacali, aziendali e i lavoratori precari e interinali venga chiarita la situazione occupazionale dell’azienda, anche in riferimento ai servizi svolti ed al numero degli abitanti del territorio di riferimento;
– Ad adottare, nel frattempo tutte le iniziative ritenute idonee per la tutela dei diritti dei lavoratori;
– A chiedere chiarimenti all’Azienda in merito ai rilievi mossi dalla UILCEM e a riferire sulla situazione al Consiglio Comunale.”


Condividi su:


Aggiungi un commento