Monitoraggio sismico Umbria, l'osservatorio "A. Bina" ospite della I^ Commissione Provinciale - Tuttoggi

Monitoraggio sismico Umbria, l'osservatorio “A. Bina” ospite della I^ Commissione Provinciale

Redazione

Monitoraggio sismico Umbria, l'osservatorio “A. Bina” ospite della I^ Commissione Provinciale

Mer, 30/01/2013 - 15:37

Condividi su:


Si è parlato di Monitoraggio sismico in Umbria nel corso della I commissione consiliare nella quale sono stati invitati: Padre Martino Siciliani – Direttore Osservatorio Sismico di Perugia A. Bina, Arnaldo Boscherini Dirigente Servizio Geologico e Sismico Regione Umbria, Michele Arcangeli Dipendente dell’Osservatorio Bina. Presenti anche tutto il servizio controllo e costruzioni e Protezione civile della Provincia di Perugia. Ad introdurre l’argomento è stato il Presidente della I Commissione Massimiliano Capitani che ha spiegato: “Il XVII secolo è stato il secolo più importante per le scoperte scientifiche, basti pensare al ruolo che hanno avuto Galileo Galilei e Isaac Newton. È l’osservatorio Bina, con la figura di Padre Castelli, che si inserisce all’interno di questo contesto per essere stato allievo di Galileo Galilei e maestro di Torricelli, in un secolo in cui la diatriba fede ragione ha portato al processo di Gallileo Galilei (1616-1623). Padre Castelli nel 1639 ha inventato all’interno del monastero di San Pietro, considerato da tutti la culla delle scienze quali la meterologia e sismologia, il primo pluviometro per la misurazione delle acque metereologiche; successivamente padre Bina ha inventato il primo sismografo meccanico. Avere ospite in questa commissione – ha spiegato il Presidente Massimiliano Capitani – Padre Martino Siciliani è importante perché lui rappresenta il successore naturale di questi scienziati-benedettini”. L’Osservatorio Sismico “A. Bina” in passato è stato dotato di strumenti meccanici di elevata precisione, tuttora tali macchine sono perfettamente conservate ma non vengono più utilizzate a livello scientifico in quanto sostituite da strumenti moderni più precisi e sensibili. Ad oggi questa struttura ha in carico il monitoraggio sismico di tutta la Regione e registra terremoti a livello locale ma anche planetario. “Nel settore sismico – ha spiegato Padre Martino – è importante l’utilizzo di tutte le conoscenze a nostra disposizione per riuscire a studiare i terremoti. La domanda che sovente mi viene posta è se questi eventi possono essere in qualche maniera previsti prima che si manifestino. Ovviamente non è facile fare previsioni ma alcuni ‘segni premonitori’ possono dare segnali importanti. Il 6 settembre del 1997, per esempio, osservando lo sciame sismico di quel periodo ho allertato il Prefetto chiedendo la sua disponibilità ad inviare delle tende da campo a Colfiorito da utilizzare per un eventuale terremoto. Così è stato fatto e quando il 26 settembre si è verificato il primo terremoto queste sono state molto utili. Questo per dire che alcuni segni possono essere indicativi ma la previsione del luogo e del momento precisi dell’evento è impossibile da rilevare”. Alla fine della commissione padre Martino Siciliani ha invitato i commissaria a visitare l’Osservatorio Bina e il suo museo per capire in maniera chiara le procedure che vengono messe in campo per monitorare l’attività sismica in particolare nella catena appenninica che attraversa l’Umbria.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!