Matrimoni in Pinacoteca e residenze storiche, ora c'è un regolamento - Tuttoggi

Matrimoni in Pinacoteca e residenze storiche, ora c’è un regolamento

Redazione

Matrimoni in Pinacoteca e residenze storiche, ora c’è un regolamento

Il Consiglio comunale ha approvato l'insieme di norme per le celebrazioni dei riti civili in "siti di particolare interesse storico, culturale e ambientale"
Dom, 30/04/2017 - 10:52

Condividi su:


Matrimoni in Pinacoteca e residenze storiche, ora c’è un regolamento

Da pochi giorni un regolamento disciplina i luoghi dove, a Città di Castello, si possono celebrare matrimoni e unioni civili. Questo è stato infatti approvato dal Consiglio comunale, nell’ultima seduta di giovedì 20 aprile, con il ‘sì’ della maggioranza, 7 astensioni (Castello Cambia, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega Nord, Movimento Cinque Stelle) e il voto contrario di Nicola Morini (Tiferno Insieme).

Nel presentare la norma, il vicesindaco e assessore alla Cultura Michele Bettarelli ha precisato come “sempre più spesso le coppie chiedono di organizzare cerimonie nuziali in luoghi diversi dalle sale a ciò preposte e la legge nazionale apre a questa possibilità. Abbiamo dunque ritenuto opportuno disciplinare le modalità del ricorso a siti diversi e di particolare interesse storico, culturale e ambientale, anche di proprietà privata, perché può costituire uno stimolo per la promozione turistica e per le attività, nei settori della ricettività, della ristorazione e del terziario”.

Il Regolamento disciplina le modalità di celebrazione dei matrimoni civili e delle costituzioni di unioni civili nel territorio del Comune a partire dai luoghi già a ciò preposti: oltre alla Sala del Consiglio comunale, sono inclusi la Pinacoteca, l’Ufficio di Stato civile di via XI Settembre e altre sedi idonee di proprietà comunale.

Il sindaco Luciano Bacchetta ha sottolineato: “Questo regolamento non è una moda né un’operazione onerosa. I matrimoni in Comune sono aumentati perché costano meno che in chiesa. Non è una speculazione, ma c’è un’offerta e una domanda. Dobbiamo creare le condizioni per un’accessibilità reale nei luoghi belli del Comune”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!