Maestranze eugubine al lavoro per manutenzione e restauro conservativo dei Ceri

Maestranze eugubine al lavoro per manutenzione e restauro conservativo dei Ceri

Dal 2011 queste operazioni si rendono necessarie ogni anno per garantire la corretta conservazione dei Ceri

share

Dal 2011 un’equipe di restauratori qualificati, individuati con un’apposita delibera comunale, svolge ogni anno, un grande e silenzioso lavoro di restauro dei Ceri, monitorando il loro stato di conservazione ed intervenendo in lavori considerati di ordinaria manutenzione sulle parti più sensibili e più esposte durante la Corsa del 15 maggio.

Tali attività si sono svolte in questi giorni all’interno dell’Arengo di Palazzo dei Consoli, dove si è intervenuti anche sulla manutenzione ordinaria del cosiddetto “timicchione” del Santo di S. Ubaldo, oltre che sulla verniciatura dei Ceri ed in piccoli interventi sulle stanghe. Queste operazioni, a fronte dello straordinario restauro che ha messo in luce la bellezza dei Ceri nel 2011, si rendono necessarie ogni anno in considerazione dell’utilizzo di prodotti non invasivi e reversibili adoperati per garantire la corretta conservazione dei Ceri, che sono beni culturali e nel contempo oggetti d’uso.

L’amministrazione comunale ha voluto ringraziare tutti i soggetti coinvolti in questa operazione di grande maturità culturale, che la comunità eugubina esprime ed esporta, rimarcando il ruolo centrale dell’Università dei Muratori e Scalpellini, riferimento imprescindibile nelle operazioni sopra descritte. In particolare viene espresso un sentito ringraziamento alle aziende di restauro autorizzate dal Mibact ad intervenire sui Ceri: Core.ba, Loredana Ferranti, Rita Fumanti, Ikuvium R.C., Minelli Marcello E.C, Anna Morena, Paffi Fabrizio, Francesco Vagnarelli.

A questi si aggiunge lo straordinario lavoro sulle barelle e sugli “orpelli” dei Ceri affidato alla Falegnameria Poggi e le costanti attenzioni che l’artista Luigi Passeri, autore delle statue dei Santi, rivolge annualmente alle sculture senza dimenticare la consulenza dell’Università dei Fabbri sempre disponibile.

share

Commenti

Stampa