Luminarie, per la Filipponi "la classica goccia di un problema più generale e grave" - Tuttoggi

Luminarie, per la Filipponi “la classica goccia di un problema più generale e grave”

Redazione

Luminarie, per la Filipponi “la classica goccia di un problema più generale e grave”

Mar, 13/12/2011 - 09:37

Condividi su:


di Stefania Filipponi (*)

La “mancanza” di luminarie natalizie è soltanto la classica goccia di un problema più generale e grave: l’assenza di autorevolezza di una amministrazione che affannosamente rincorre il quotidiano, perché non ha un “progetto di città”.
La crisi economico-finanziaria ha soltanto evidenziato tutte le contraddizioni ma soprattutto la pochezza di una Giunta che, grazie alle risorse che le sono piovute addosso a seguito del terremoto, era riuscita, sino ad oggi, a nascondere l’assoluta incapacità politica.
Per circa 10 anni sono state elargite, a piè di lista e senza controlli, risorse pubbliche in favore di associazioni per organizzare eventi, ma in particolar modo “per mantenere la propria clientela” e fingere di avere una città e un centro storico vitali. Così non è: la drastica riduzione di trasferimenti statali lascia il “re nudo” e gli interessati amici (quelli che si facevano belli con il denaro dei cittadini) sono diventati nervosi, forse perché lasciati senza piatto.
I problemi, però, non sono limitati alla mancanza di “eventi natalizi” ma riguardano l’intera città che questa Amministrazione, con la propria inerzia, lascia diventare sempre più povera: il futuro della Cassa di Risparmio è segnato; gli Uffici Giudiziari rischiano il completo smantellamento, il raddoppio della rete ferroviaria è una incognita al pari della “famosa Variante Sud” che doveva alleggerire il traffico di un centro storico soffocato dallo smog, dal guano dei piccioni e dalla sporcizia.
La ASL 3 è destinata ad essere accorpata, così come la gestione delle risorse idriche: tutto verrà gestito dalla città-regione. Si prospettano privatizzazioni di società pubbliche (VUS- AFAM) perché non si è in grado di elaborare un piano industriale ed i vertici vengono nominati solo per meriti di “parte”. La lista è ancora più lunga e l’inefficienza, l’immobilismo dell’Amministrazione è addirittura palpabile ed allora forse è meglio non accendere le luci, perché lo “spettacolo non è bello”. Il Sindaco Mismetti dovrebbe imitare le scelte effettuate in sede nazionale e riconoscere che questa Giunta non è in grado di affrontare e di risolvere i gravi problemi della città, che non sono solo economici.
Va rivisto integralmente il programma e, per “salvare Foligno”, è necessario unire le forze individuando soggetti in grado di amministrare la città garantendone lo sviluppo (culturale, economico e sociale) e eliminando gli sprechi, a cominciare dalla FILS.

(*) Capogruppo in Consiglio Comunale di Impegno Civile

Articoli correlati:

Caos luminarie a Foligno, il consigliere Meloni gira il dito nella piaga
A Sant'Eraclio niente luminarie natalizie. Monta protesta commercianti
Luminarie, polemica a Foligno per alcune vie non illuminate. Confcommercio si chiama fuori

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!