L'Umbria per il "no" al referendum sul Senato - Tuttoggi

L’Umbria per il “no” al referendum sul Senato

Alessia Chiriatti

L’Umbria per il “no” al referendum sul Senato

L'incontro con i referenti del movimento | "Non stavolgiamo la Costituzione"
Gio, 09/06/2016 - 16:14

Condividi su:


C’è un’altra Umbria che vuole esprimere la propria opinione e dire “no” al referendum per la riforma del Senato, previsto per il prossimo ottobre. E se il Partito democratico è pronto a schierare ogni suo fido alleato per raggiungere il proprio risultato, “bussando casa per casa“, come hanno detto il premier Renzi e il ministro Boschi, in Umbria il “Coordinamento per la Democrazia Costituzionale” e il “Comitato dei dell’Umbria Socialisti Umbri per il NO” domani terranno un incontro conoscitivo per esprimere le ragioni del “no”. L’appuntamento è domani, venerdì 10 giugno, alle 11 presso l’Arte Hotel Perugia (ex Hit Hotel), Strada Statale Trasimeno Ovest n. 159 z /10, a Perugia. In scaletta è prevista l’introduzione di Aldo Potenza (Comitato Nazionale Socialista per il NO), e le relazioni di Siro Centofanti, vice presidente del Comitato, di Mauro Volpi, referente del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale dell’Umbria. Sarà presente anche Raniero La Valle, intellettuale cattolico, già collaboratore di Aldo Moro e Presidente dei Comitati Dossetti per la Costituzione.

“La Costituzione – scrivono i promotori dell’incontro – fu approvata da un’Assemblea Costituente eletta con sistema proporzionale e da forze politiche che rappresentavano più dell’80% del popolo italiano. La proposta di stravolgimento proviene all’esito di elezioni svoltesi sulla base di una legge 21 dicembre 2005 n. 270 (c.d. Porcellum) già giudicata illegittima dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 1/2014, e in cui il P.D. aveva ricevuto solo il 25% dei voti”.

“L’incontro – si legge nel loro volantino – vuole illustrare a tutta la cittadinanza le ragioni che rendono necessario un impegno comune per il NO, al referendum di ottobre 2016, contro l’involuzione antidemocratica e demagogica della proposta Renzi Verdini e contro la ‘dittatura della minoranza’, che, tramite la Legge elettorale 6 maggio 2015 n. 52 (c.d. Italicum), essa comporterebbe”.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!