Lotta biologica per la difesa del castagno - Tuttoggi

Lotta biologica per la difesa del castagno

Redazione

Lotta biologica per la difesa del castagno

Mer, 06/02/2013 - 09:41

Condividi su:


Venerdì 8 febbraio 2013 alle 17 nei locali della ex scuola elementare di Montebibico si terrà un incontro pubblico per parlare delle iniziative intraprese e dei primi risultati ottenuti nel territorio di Spoleto nella lotta contro il cinipide del castagno, un insetto estremamente nocivo a causa del veloce deperimento delle piante che attacca. Interverranno all’incontro Daniele Benedetti, sindaco di Spoleto, il dott. Paolo Pergolari, dirigente del servizio tecnico agronomico della Regione Umbria, il prof. Carlo Ricci della Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia. Coordina Enzo Alleori, consigliere comunale con incarico speciale per le politiche agricole.

La difesa del castagno dall’azione del cinipide è una problematica ambientale di vasto rilievo come dimostrano le numerose iniziative messe in campo a livello nazionale. Nel territorio dello spoletino il parassita ha colpito i castagneti nelle zone di Montebibico, Pincano, Vallocchia e Borgiano. Nel 2011, su proposta del consigliere Enzo Alleori, venne presentata una mozione, la cui urgenza fu stata votata all’unanimità dal massimo consesso cittadino, per garantire la difesa del castagno attraverso l’utilizzo dell’unico metodo di lotta di tipo biologico (introduzione del parassitoide Torymus sinensis). Una misura resasi necessaria non solo perché il castagno rappresenta una fonte di reddito importante per le popolazioni montane, ma anche perché componente irrinunciabile della cultura e del paesaggio in cui è inserito.

Proprio per evitare gravi ripercussioni in ambito economico, ambientale e paesaggistico in sede di coniglio comunale era stato giudicato necessario il coinvolgimento di diverse istituzioni pubbliche ed il contributo degli ambienti accademici e di ricerca. L’incontro di venerdì è l’occasione, insieme a rappresentanti del Comune di Spoleto, della Regione Umbria e dell’Università di Perugia, per fare il punto della situazione.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!