L'eugubino Lorenzo Cipiciani vince il Bridgestone Champions Challenge 2016 - Tuttoggi

L’eugubino Lorenzo Cipiciani vince il Bridgestone Champions Challenge 2016

Redazione

L’eugubino Lorenzo Cipiciani vince il Bridgestone Champions Challenge 2016

Al Mugello il secondo posto in gara 7 vale il titolo, "“Una gioia indescrivibile”"
Lun, 03/10/2016 - 09:40

Condividi su:


L’eugubino Lorenzo Cipiciani vince il Bridgestone Champions Challenge 2016

I fan di Lorenzo e lo striscione a fine gara

Era ora“”. Uno striscione riposto in un cassetto per tanto tempo è stato finalmente esposto. L’ora di Lorenzo Cipiciani, che sarebbe dovuta scoccare già da qualche anno a questa parte, è arrivata ieri pomeriggio (domenica 2 ottobre) al Mugello. “”All’’ultima curva dell’’Arrabbiata” ho chiuso gli occhi e sono entrato come se non ci fosse un domani”” ha detto il pilota eugubino. Non poteva attendere oltre il centauro eugubino, che col sorpasso ai danni di Mauro Carzaniga, rivale diretto per la lotta al titolo nel Bridgestone Champions Challenge, ha completato un piccolo capolavoro, andandosi a prendere la seconda piazza di giornata ma soprattutto la prima nell’’assoluto.

Cipiciani ha sfruttato appieno l’’assenza dell’’ex leader Micheal Canducci, impegnato a Magny Cours nel campionato SuperSport. Aveva comunque grosse chance di vincere il titolo, perché solo l’eugubino e Carzaniga, arrivando nei primi due posti, lo avrebbero potuto scalzare. C’è riuscito Lorenzo al termine di una gara da cardiopalma, decisa nelle battute finali dopo un incredibile altalena di sorpassi e controsorpassi.

Lorenzo brinda sul podio

Scattato dalla terza casella della griglia, Cipiciani è stato in bagarre per tutta la gara con Carzaniga e Leotta mentre Tonucci (sostituto di Canducci) ha fatto gara a sé salvo perdere qualche colpo nel finale. ““Non c’è stato molto da riflettere, – ha commentato l’eugubino – solo da aprire il gas e cercare di non commettere errori– e quando sono scivolato in quarta posizione c’’è stato soprattutto da mantenere i nervi saldi e non demordere. Alla fine con Carzaniga ce la siamo giocata sul filo del rasoio e quel sorpasso all’’ultimo giro mi ha permesso di stare davanti sino al traguardo””. Carzaniga ha finito addirittura fuori dal podio, beffato anche da Leotta. Ma un terzo posto non sarebbe comunque bastato all’’esperto pilota, già campione del Bridgestone nel 2014, per riuscire a rintuzzare l’’attacco del pilota eugubino. La classifica finale recita così: Cipiciani 605 punti, Canducci 600, Carzaniga 550, Leotta 440.

Sicuramente l’’assenza di Canducci è stata determinante, perché se ci fosse stato avrebbe probabilmente vinto il titolo al posto mio, a meno che non fosse arrivato al traguardo. Mi ritengo fortunato, ma credo che nella vita si debba anche essere coriacei e volenterosi. Alla fine c’è stato da soffrire e questa gara non me la dimenticherò mai per nulla al mondo. Questo titolo è un premio che ripaga annui di sacrifici fatti dalla mia famiglia, dai miei amici e da tutti coloro che hanno speso il loro tempo per incitarmi o sostenermi. Un grazie di cuore lo devo al mio team, con Fabrizio Franchini e Diego Giugovaz determinanti anche in questa due giorni. Adesso devo ancora realizzare cosa ho fatto, ma è davvero un’’enorme soddisfazione”. È tutto bellissimo, come nei sogni. A inizio stagione non sapevo nemmeno se avrei potuto partecipare al campionato, invece ho fatto tutte e 7 le gare e sono persino riuscito a vincere. È un’’emozione indescrivibile, ma ripeto, è anche il premio a tanti anni di sacrifici e sogni spesso infranti.

Aggiungi un commento