L'Aquila, Norcia al “Primo Forum delle Città Celestiniane” - Tuttoggi

L'Aquila, Norcia al “Primo Forum delle Città Celestiniane”

Redazione

L'Aquila, Norcia al “Primo Forum delle Città Celestiniane”

Mer, 19/06/2013 - 14:45

Condividi su:


Creare una rete di città italiane ed europee nel nome di Celestino V e dell’operato svolto dai monaci celestini nel corso dei secoli. È questo in sintesi il progetto avviato nei giorni scorsi nel corso del primo Forum delle città celestiniane, svoltosi a L’Aquila nell’ambito delle celebrazioni per il settimo centenario della canonizzazione del santo avvenuta nel 1313 ad Avignone. Una due giorni in cui c’è stato un grande successo di partecipazione: ben venti delegazioni e più di cinquanta partecipanti tra cui anche la città di Norcia con una delegazione formata dal sindaco Gian Paolo Stefanelli, dal priore del monastero di San Benedetto Padre Cassian Folsom e dagli storici Romano Cordella e Rita Chiaverini. “Norcia – ha detto il sindaco Stefanelli – rientra a pieno titolo in questo progetto di grande spessore culturale e di profondo significato per le molteplici testimonianze celestiniane presenti in loco visto che il monastero di San Benedetto per lunghi secoli ha registrato la presenza di monaci celestini francesi ed italiani, e questo fino alle soppressioni napoleoniche del 1810. Condividendo pienamente questo progetto, portato avanti con determinazione e passione da Lelio De Santis, assessore al turismo del comune aquilano, è nostra intenzione stringere ulteriormente i rapporti con la città de L’Aquila e le altre città celestiniane, concordando e promuovendo iniziative specifiche non solo per valorizzare la figura di Celestino V e dei monaci celestini ma anche per instaurare e/o rafforzare importanti relazioni sociali ed economiche per il futuro”. Molto importante la parte storica e culturale del convegno, oltre che religiosa, curata dagli interventi di relatori esperti: il vescovo di Sulmona, Mons. Spina; il vescovo vicario di Isernia, Mons. Palumbo; la prof.ssa Stefania Di Carlo; il presidente del Centro Studi Celestiniano, Floro Panti; il prof. Romano Cordella e la dott.ssa Rita Chiaverini, storici nursini; la direttrice degli affari culturali di Limay, Elodie Bergeron; il vescovo ausiliario Mons. Giovanni D’Ercole; il vescovo Mons. Giuseppe Molinari; padre Quirino Salomone e tutti i relatori dei comuni partecipanti che hanno raccontato, nella loro testimonianza, il legame storico esistente tra le loro città e Celestino V. Il Forum, inoltre, svoltosi nel centro de L’Aquila, nel restaurato Palazzetto dei Nobili, ha permesso a tutti i partecipanti di toccare in maniera diretta il dramma e gli effetti ancora evidenti del terremoto del 6 aprile 2009 ma anche di scoprire le tante potenzialità e la forte volontà di rinascita che la città esprime.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!