La pianificazione territoriale in Umbria da oggi prende in considerazione le biodiversità

La pianificazione territoriale in Umbria da oggi prende in considerazione le biodiversità


share

La Giunta regionale, su proposta dell’Assessore Fernanda Cecchini, ha approvato la scheda di progetto “Sistema Umbria Natura – L’Umbria è un Parco: promuovere e integrare la biodiversità nella pianificazione territoriale” che sarà presentata nell’ambito del Programma Life+ della Comunità Europea. Il progetto, redatto dal Consorzio ITACA e dal Dipartimento di Biologia applicata dell’Università degli Studi di Perugia, ha l’obiettivo di promuovere e integrare le questioni inerenti la biodiversità nelle procedure relative alla pianificazione territoriale nella Regione Umbria, anche in vista della proposta di disegno di Legge Regionale sulla biodiversità e sarà inviato dalla Direzione Risorsa Umbria, Servizio Aree Protette, Valorizzazione Sistemi Naturalistici e Paesaggistici della Regione Umbria all’’Autorità Nazionale presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per il successivo inoltro alla Commissione Europea.

Per conseguire questo obiettivo, il progetto intende definire un quadro analitico puntuale degli strumenti di pianificazione territoriale in ambito regionale per verificarne l’integrazione con le questioni inerenti la biodiversità; avviare un processo di consultazione con gli attori, pubblici e privati, coinvolti nella pianificazione territoriale, al fine di condividere le scelte in ordine ai contenuti e alle modalità degli interventi di comunicazione, sensibilizzazione e formazione previsti dal progetto medesimo ed accrescere la consapevolezza degli attori e dei “portatori di interessi” della pianificazione territoriale rispetto alla legislazione e alle politiche europee in materia di protezione della natura e della biodiversità;

La spesa complessiva del progetto, del quale la Regione Umbria sarà coordinatrice, ammonta a 400 mila euro, di cui circa la metà è il cofinanziamento richiesto all’Unione Europea.

share

Commenti

Stampa