La Fondazione Carispo dona lavagne Lim alle scuole - Tuttoggi

La Fondazione Carispo dona lavagne Lim alle scuole

Redazione

La Fondazione Carispo dona lavagne Lim alle scuole

Una delle lavagne è stata destinata alle attività didattiche degli studenti ristretti nella casa di Reclusione di Spoleto
Lun, 05/05/2014 - 10:50

Condividi su:


La Fondazione Carispo dona lavagne Lim alle scuole

Recentemente la Fondazione Carispo, che fin dalla sua nascita ha considerato la scuola come basilare punto di riferimento sociale e culturale per la nostra città ed il territorio, assicurando negli anni il suo sostegno a svariate iniziative didattiche e fornendo un apporto costante al rinnovamento dei corredi multimediali, nell’ottica di provvedere ulteriormente al miglioramento della strumentazione didattica e di garantire i supporti adeguati ad un insegnamento moderno ed efficace, e per supplire alla carenza di fondi ministeriali, ha deciso di donare agli istituti scolastici una serie di lavagne interattive multimediali (LIM).

Secondo il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, Sergio Zinni, “la LIM è uno strumento di integrazione con la didattica d’aula poiché coniuga la forza della visualizzazione e della presentazione tipiche della lavagna tradizionale con le opportunità del digitale e della multimedialità”.
Infatti, la lavagna interattiva multimediale, detta anche lavagna elettronica, è una superficie interattiva su cui è possibile scrivere, disegnare, allegare immagini, visualizzare testi, riprodurre video o animazioni. I contenuti visualizzati ed elaborati sulla lavagna possono essere digitalizzati grazie a un software di presentazione appositamente dedicato. La donazione ha interessato le scuole primarie, le medie e le superiori. In particolare una delle lavagne è stata destinata alle attività didattiche degli studenti ristretti nella casa di Reclusione di Spoleto iscritti all’Istituto d’arte sezione carceraria. In questo caso è sembrato fondamentale l’apporto della LIM, che va a colmare la particolare carenza di testi e di materiali didattici, dovuta alla difficoltà di acquisto da parte dei detenuti, e permette un adeguato svolgimento di lezioni di Storia dell’arte, di progettazione, di disegno geometrico informatizzato, ma anche la proiezione di film, di video e di ogni tipo di prodotto multimediale.
Inoltre va evidenziato il progetto avente ad oggetto “Importanza dell’autocontrollo per la salute psicofisica” rivolto ad alunni ed insegnanti delle classi seconde dell’Istituto Alberghiero di Spoleto, che ha avuto come esperto il Dott. Gregorio Pompili. Si tratta di una iniziativa che ha avuto apprezzamento e che sarà portata avanti nel prossimo anno scolastico coinvolgendo altre scuole del territorio.
Per il Segretario Generale della Fondazione, Alessandra Villalta, “la tematica riveste particolare interesse nel processo formativo dei giovani perché l’autocontrollo si presenta come premessa per trarre da ogni azione vantaggi e utilità nell’immediato e nel presente”.
La Fondazione conferma il suo sostegno al mondo della scuola e con l’occasione il Presidente Zinni ringrazia l’Assessore Battistina Vargiu per la proficua collaborazione avuta in questi anni.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!