"In Umbria 100mila cinghiali": attivare la filiera delle carni anche contro la Psa

“In Umbria 100mila cinghiali”: attivare la filiera delle carni anche contro la Psa

Redazione

“In Umbria 100mila cinghiali”: attivare la filiera delle carni anche contro la Psa

Ven, 14/01/2022 - 15:11

Condividi su:


In Regione interrogazione di Peppucci alla Giunta: i cinghiali da problema a opportunità

Dopo la richiesta di Fora (Patto Civico) di allungare il periodo della caccia al cinghiale, in consiglio regionale arriva una nuova interrogazione a fronte dei casi di peste suina africana accertati in Piemonte e Liguria.

La consigliera regionale della Lega Umbria Francesca Peppucci annuncia infatti un’interrogazione alla Giunta circa la “possibilità tecnica, economica e giuridica per la costituzione e l’operatività di una filiera della carne di cinghiale e quali interventi adottare per stabilirne i requisiti igienico-sanitari, la tracciabilità e la qualità, al fine della sua realizzazione”.

Chieste verifiche su tre carcasse di cinghiale
rinvenute in Umbria dalle guardie del Wwf

“In Umbria 100mila cinghiali”

“La presenza di ungulati in Italia ha ormai raggiunto numeri preoccupanti
– spiega Peppucci –. In particolare in Umbria si stima che il numero di
cinghiali selvatici abbia superato i 100mila esemplari per effetto di una
proliferazione incontrollata che genera ogni anno ingenti danni in termini di raccolti distrutti, bestiame ucciso, cedimenti infrastrutturali e perdita
della biodiversità”.

Carne di cinghiale importata

Nonostante tale massiccia presenza – ricorda Peppucci – in Italia circa il
90 per cento della selvaggina selvatica, soprattutto carne di cinghiale,
viene importato da Nuova Zelanda, Scozia e Nord America, senza che il
consumatore sia in grado di poterne conoscere la tracciabilità.

Inoltre la carne di animali selvatici non viene venduta nelle macellerie, ma soltanto nei supermercati, dove si acquista congelata e di provenienza estera. Per tale motivo, diverse Regioni hanno da tempo adottato interventi per favorire la commercializzazione della carne di animali selvatici. anche se in Italia non si è ancora sviluppata una filiera controllata della selvaggina selvatica, che secondo l’esponente della Lega potrebbe in realtà rappresentare una risposta efficace alle strategie che mirano a ridisegnare l’agricoltura in chiave sostenibile e resiliente, contrastando anche le tante forme di illegalità riscontrate nella commercializzazione di tali prodotti.

Cinghiali, da problema a opportunità

“Attivando anche in Umbria il progetto di filiera – è la proposta di Peppucci – sarà possibile trasformare il problema del numero di cinghiali sul territorio in un’opportunità economica in termini di posti di lavoro, integrazione del reddito delle aziende e valorizzazione del territorio. Infine con la vendita di carne di selvaggina, attraverso una filiera controllata e certificata, si può fare emergere un consumo regolare e sicuro per il consumatore, salvaguardando allo stesso tempo gli allevatori dalle conseguenze economiche e le restrizioni commerciali che potrebbe comportare il diffondersi della peste suina”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!