Impianti sportivi, in Commissione tutto da rifare | Opposizione all'attacco - Tuttoggi.info

Impianti sportivi, in Commissione tutto da rifare | Opposizione all’attacco

Redazione

Impianti sportivi, in Commissione tutto da rifare | Opposizione all’attacco

Pratica nuovamente rimandata durante la seduta congiunta | Il Pd chiede lo "spacchettamento" della pratica
Ven, 30/09/2016 - 16:19

Condividi su:


Una pratica che da giorni passa di tavolo in tavolo, ma che non riesce ad essere discussa. Quella della gestione degli impianti sportivi comunali sembra una questione complicata. Dopo la discussione rimandata giorni fa a causa di una maggioranza non compatta, durante la seduta cogiunta di I, II e III commissione di venerdì ancora niente di fatto. Dopo una temporanea sospensione della seduta, al termine della mattinata è stato infine deciso di rinviare l’esame della preconsiliare e l’audizione degli assessori Prisco e Bertinelli.

Perugia, il Comune al lavoro per riprendersi gli impianti sportivi

Le mozioni. La prima mozione d’ordine è stata proposta dal capogruppo Pd Diego Mencaroni che ha espresso perplessità sulla legittimità dell’atto, ritenendo che la variazione al bilancio non sia ammissibile senza una previa modifica del Regolamento sulle modalità di affidamento degli impianti sportivi di proprietà del Comune di Perugia. Per questo il consigliere dem ha richiesto di audire il segretario generale sul punto, con l’approvazione di Rosetti.

Le tre commissioni hanno respinto a maggioranza la mozione d’ordine; il centro-destra (con Leonardi), in particolare, ha fatto notare che il segretario generale ha già espresso il proprio parere positivo sull’atto in sede di giunta. Con la seconda mozione presentata, di nuovo il capogruppo dei dem Mencaroni ha chiesto di procedere al rinvio della pratica, convocando solamente la I Commissione al fine di procedere esclusivamente all’esame della modifica del regolamento. Anche questa mozione, tuttavia, è stata respinta dalle tre commissioni a maggioranza. Ed ancora: la terza mozione è stata proposta dal consigliere del Pd Bori. Quest’ultimo ha evidenziato che la IV commissione nei giorni scorsi aveva già esaminato la pratica, decidendo poi di rinviarla di una settimana. Al contrario si è poi scelto di convocare una seduta congiunta a distanza di pochi giorni. “Nel contempo – sostiene Borialla convocazione congiunta di I e II commissione si sarebbe aggiunta successivamente anche la IV, ma su iniziativa del presidente del Consiglio comunale”. Per Bori, quindi, la procedura appare illegittima. La soluzione? “Spacchettare” l’atto, riconvocando le tre commissioni in sedute separate, con primo adempimento a cura della I commissione (modifica regolamentare). Anche questa mozione è stata respinta dalle tre commissioni a maggioranza.

Infine la quarta mozione è stata proposta da Carmine Camicia, che ha proposto di discutere la modifica regolamentare subito in I Commissione ed, in caso di approvazione, di procedere subito dopo all’esame dell’intera preconsiliare in seduta congiunta. Durante l’esame di questa mozione d’ordine, sono state proposte due ulteriori modifiche alla stessa. Con la prima Scarponi (Ncd) ha proposto di riunire subito le tre commissioni separatamente per l’analisi delle singole questioni di rispettiva competenza. Rosetti (M5s), invece, ha proposto di sospendere momentaneamente la seduta per consentire agli uffici di modificare la preconsiliare per redigere un atto sul solo aspetto della variazione del regolamento. Ciò per consentire alla I commissione di analizzarlo e votarlo, in modo da portarlo in Consiglio nella prima seduta utile (lunedì prossimo).

Ed ecco che, la seduta di venerdì è stata temporaneamente sospesa al fine di consentire un approfondimento della situazione. Dopo la sospensione, il consigliere Scarponi a nome della maggioranza ha proposto e ottenuto di rinviare l’esame della preconsiliare a una prossima seduta nel corso della quale sarà presente il Segretario generale per tutti i chiarimenti sulla legittimità dell’atto. L’opposizione (Miccioni, Rosetti e Bori) ha espresso perplessità sul mero rinvio della pratica ritenendo che la stessa dovrebbe essere ritirata e “spacchettata” nelle sue varie componenti.

Pugno duro dell’opposizione,Una baraonda indegna della massima assise comunale – commenta il capogruppo del Pd Mencaroini – con i consiglieri di maggioranza che hanno impedito la convocazione del Segretario generale (o di chi al momento ne faceva le veci) per affrontare i molti dubbi che un atto come questo ha fatto nascere. Si è preferito tenere sulla corda l’attività della Commissione con continue mozioni d’ordine, anche contraddittorie, da parte della maggioranza piuttosto che cercare di avere un parere da parte di chi è tenuto ad esprimersi in merito alla regolarità degli atti del Comune. Agendo con modi arroganti come sta facendo la maggioranza su input della giunta Romizi il rischio di perdere importanti fondi ed investimenti per i grandi impianti perugini è altissimo”. Per l’opposizione “in un solo atto si stravolge l’intera struttura di gestione degli impianti sportivi del Comune di Perugia. Meglio sarebbe stato, seguendo l’iter normativo, modificare il regolamento e poi proporre la variazione di bilancio ed infine, nella commissione Cultura e Sport affrontare le scelte tecniche amministrative e politiche dando modo ai consiglieri di studiare al meglio le pratiche. La superficialità con cui il centrodestra sta agendo, non solo rischia di ingolfare il dovuto processo amministrativo, ma ne mina l’onestà dell’intento politico che dovrebbe essere superiore a qualsiasi diatriba, ossia il benessere e l’interesse della collettività che noi tutti rappresentiamo. Una approssimazione come quella dimostrata dal centrodestra oggi era difficilmente prevedibile: addirittura la sala del Consiglio comunale è occupata e la Commissione si è tenuta in una sala Emanuela Loi sovraffollata con consiglieri che non hanno neanche trovato posto al tavolo della discussione”.

Lettera del capogruppo Pd. Di seguito, pubblichiamo la lettera inviata dal consigliere di opposizione Mencaroni il giorno stesso dell’arrivo della convocazione della Commissione

Perugia, 28 settembre 2016

Alla C.A. del Presidente del Consiglio Comunale
Alla C.A. dei Presidenti della I, II e IV Commissione Consiliare Permanente
Alla C.A. dei Membri della I, II e IV Commissione Consiliare Permanente

E P.C. Al Segretario Generale del Comune di Perugia

Egregi Presidenti, Egregi Membri delle Commissioni Consiliari Permanenti,
vi scrivo in relazione alla convocazione congiunta delle Commissioni Consiliari I, II e IV ricevuta in data 27 settembre avente ad oggetto la Preconsiliare n. 97 del 21.09.2016: Gestione Palasport Evangelisti, Palazzetto Pellini e Stadio Santa Giuliana. Provvedimenti. Variazione bilancio di previsione e PTI 2016 – 2018.
In qualità di Presidente del Gruppo Consiliare del Partito Democratico intendo con questa mia porre alla vostra attenzione l’inopportunità politica di suddetta convocazione, corredata da significativi vizi di natura legislativa; in sostanza non di può votare la preconsiliare senza che il regolamento venga dapprima modificato. Inoltre la materia avrebbe bisogno di approfondimenti prima di essere presentata in maniera sbrigativa in commissione e quanto accaduto nella giornata di martedì 27 settembre appare in primis sconveniente e quindi indicativo nel dimostrare lo stato di confusione nel quale si vogliono gettare i consiglieri comunali, consiglieri delle suddette commissioni, a causa di un improvviso e non concordato percorso per l’approvazione della preconsiliare. Appare totalmente insensato per non dire scorretto non aver coinvolto l’ufficio di presidenza della IV commissione non comunicando al vice presidente l’integrazione alla convocazione.
Già nel corso del dibattito tenutosi ieri in IV commissione abbiamo assistito ad uno spaesamento della maggioranza, non si può trattare una materia così delicata con faciloneria e questo atteggiamento – una volta per tutte – non può assolutamente essere un modus operandi al quale tutti dobbiamo attenerci. Se l’intento era quello di velocizzare l’approvazione della preconsiliare devo e voglio ricordare che non si possono proporre all’attenzione dei commissari delle pratiche senza che queste vengano studiate e analizzate sotto molteplici profili, quello tecnico e regolamentare ma anche quello politico e istituzionale.
La superficialità accompagnata da una forma di improprietà che a mio parere si basa sulla fretta, non solo rischia di ingolfare il dovuto processo amministrativo, ma ne mina l’onestà dell’intento politico che dovrebbe essere superiore a qualsiasi diatriba, ossia il benessere e l’interesse della collettività che noi tutti rappresentiamo.
Chiedo pertanto con questa mia che si proceda con ordine ad approvare dapprima la modifica al regolamento attraverso il passaggio istituzionale in prima commissione e poi in consiglio comunale; una volta entrato in vigore il regolamento si potranno trattare le questioni relative al bilancio in seconda commissione ed infine sarà la volta di affrontare le scelte tecniche amministrative e politiche in quarta commissione.
Vi sono investimenti importanti sugli impianti sportivi, fondi che rischiano di essere persi a causa di una tattica politica sciagurata, chiediamo alla maggioranza il rispetto delle norme statutarie e l’accortezza della condivisione nei processi al fine di consegnare alla città una decisione giusta e corretta sotto ogni profilo”.

Cordialità,

Diego Mencaroni

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!