Il tesoretto delle famiglie umbre: 14,5 mld in banca e alle Poste, ma con tanti squilibri

Il tesoretto delle famiglie umbre: 14,5 mld in banca e alle Poste, ma con tanti squilibri

Massimo Sbardella

Il tesoretto delle famiglie umbre: 14,5 mld in banca e alle Poste, ma con tanti squilibri

Dom, 26/06/2022 - 09:08

Condividi su:


Gli ultimi dati della Banca d'Italia: così i risparmi delle famiglie e delle imprese umbre | Le differenze tra territori

Ammonta a 14 miliardi e mezzo di euro il tesoretto “liquido” che le famiglie umbre hanno in banca o alle Poste. In base dell’ultimo Rapporto della Banca d’Italia, lo stock delle famiglie consumatrici umbre al 31 dicembre del 2021 ammonta a 14,545 miliardi di euro, con un incremento del 3,8% rispetto a un anno prima. E con un ulteriore incremento del 3,1% a marzo rispetto al marzo 2021.

Incrementati addirittura del 7,7% i soldi che le famiglie tengono nei conti correnti, pari a 9,407 miliardi. A cui si aggiungono i 5,345 miliardi tenuti nei conti correnti delle imprese. Per queste l’incremento su base annua è stato del 12,8%. Un segno di come le incertezze e l’aumento dell’inflazione, già alla fine dello scorso anno, abbiano frenato i consumi, inducendo a tenere prudentemente “congelate” nei conti correnti quote più consistenti dei propri risparmi.

I depositi a risparmio delle famiglie umbre, per 5,134 miliardi, sono diminuiti del 2,7% (del 4% tra marzo 2021 e marzo 2022). Per le imprese addirittura a marzo i depositi a risparmio (che a dicembre ammontavano a 316 milioni di euro) sono diminuiti del 31,8%.

I risparmi delle famiglie

Il resto dei risparmi delle famiglie umbre (7,308 miliardi di euro) sono investiti. In titoli di Stato per 1,227 miliardi di euro. In obbligazioni bancarie (363 milioni) e altre obbligazioni (379 milioni), fortemente ridotte in percentuale. Cresciute le quote di Oicr (organismi di investimento collettivo del risparmio) per 4,635 miliardi. A dicembre 2021 le famiglie umbre avevano 691 milioni in azioni: investimento cresciuto nel 2021, ma con un forte contenimento dopo la guerra in Ucraina (-9,8% a marzo).

… e quelli delle imprese

Le imprese umbre a dicembre 2021 avevano 5,661 miliardi in depositi (con un aumento superiore al 10% che è aumentato anche nei primi mesi del 2022). I titoli a custodia ammontavano a 1,645 miliardi di euro. con la quota più rilevante (1,099 miliardi) investita in azioni, cresciute del 37,8% a marzo 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I risparmi degli umbri

Complessivamente gli umbri, famiglie e imprese, hanno 20 miliardi e 206 milioni di euro nei depositi, di cui 14,752 miliardi nei conti correnti. I titoli a custodia ammontano invece complessivamente a poco meno di 9 miliardi di euro.

Nei territori

Si tratta ovviamente di dati aggregati, frutto di situazioni molto diverse tra i territori della regione e, al loro interno, tra famiglie e imprese. Quanto ai depositi, in testa per liquidità – in base agli ultimi dati della Banca d’Italia – compaiono Orvieto, Perugia, Norcia, Città della Pieve, Magione, Panicale, Città di Castello, Giano dell’Umbria, Fabro e Bastia Umbra. Molto indietro Terni, dove i depositi bancari per abitante sono intorno ai 15 mila euro (quasi la metà rispetto a Orvieto).

In coda ci sono Nocera Umbra, Amelia, Narni, Gualdo Tadino e Passignano.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!