Il Teatro Lirico Sperimentale entra a scuola, conferenza concerto all'Iis "Spagna - Campani"

Il Teatro Lirico Sperimentale entra a scuola, conferenza concerto all’Iis “Spagna – Campani”

Redazione

Il Teatro Lirico Sperimentale entra a scuola, conferenza concerto all’Iis “Spagna – Campani”

Mar, 07/06/2022 - 12:01

Condividi su:


Lo Sperimentale intende imbastire con le scuole, ed in particolare con lo Spagna -Campani, prospettive di fruttuose collaborazioni future

Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”, in occasione della Stagione Lirica Sperimentale 2022 che avrà luogo dall’11 agosto al 24 settembre si prefigge di coinvolgere tutte le Scuole di Spoleto in una collaborazione comune che valorizzi l’arte e la musica. Ecco che a tal fine è nato il Progetto “MiniOpera Tour”, attraverso il quale lo Sperimentale sta raggiungendo, con il proprio personale tecnico ed artistico, tutti gli Istituti scolastici di Spoleto città e della periferia e mette così in scena, negli spazi che le singole scuole con entusiasmo e partecipazione hanno messo a disposizione, una conferenza concerto di presentazione della 76ma Stagione Lirica Sperimentale.

Lo scorso lunedì 30 maggio è andata in scena una Conferenza Concerto speciale, presso l’aula magna dell’Istituto IIS Tecnico-Professionale “Spagna-Campani”,nella sede ITIS-IPSIA di via Visso (mentre gli studenti dell’ITGC di viale Martiri della Resistenza seguivano numerosi l’evento in streaming). Di fronte a decine di studenti entusiasti, si sono esibiti in alcune arie dal Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart il soprano Elena Cortolezzis e il baritono Matteo Lorenzo Pietrapiana, vincitori del Concorso Comunità Europea del 2021, mentre Raffaella Clerici e Diletta Masetti introducevano alla platea brevi cenni sulla storia prestigiosa dell’Istituzione spoletina. Al pianoforte le sapienti mani del Maestro Carolina Benedettini.

Si ringraziano per l’accoglienza e la collaborazione il dirigente Prof. Antonio Pasqualino Iallorenzi e le Prof.sse Alessia Vergari e Giusi Giardini.

Per l’occasione, il giovane soprano Cortolezzis, originaria di Venezia, ha indossato uno splendido abito elegante, realizzato qualche anno fa dalle studentesse del Laboratorio Costume e Moda della Scuola: si tratta di un abito classico e molto elegante, con bustino, in tessuto doppiato color turchese, precedentemente coperto da un prezioso ricamo, poi sostituito da un drappeggio d’organza, realizzato di recente in occasione di diversi esposizioni e sfilate che lo hanno visto protagonista.

Con questa commistione di arte, lo Sperimentale intende imbastire con le scuole, ed in particolare con lo Spagna-Campani, prospettive di fruttuose collaborazioni future, quali ad esempio l’alternanza scuola-lavoro e altri progetti specifici, che tengano conto delle capacità dei giovani di Spoleto e che li valorizzino e li rendano cittadini consapevoli e protagonisti del loro tempo e della loro città.

Del resto, l’importanza di questo Istituto scolastico sul territorio è radicata quanto la sua storicità. Nel 1970, vista la notevole domanda di alcune industrie metalmeccaniche, emergenti nel territorio spoletino, si rende necessaria l’attivazione di corsi professionali finalizzati alla preparazione di tecnici specializzati, cosicché il Ministero della Pubblica Istruzione concede l’autonomia all’Istituto Professionale di Spoleto, fino ad allora sede coordinata di Terni. Le specializzazioni iniziali riguardavano la qualifica di installatori elettricisti, elettromeccanici e congegnatori meccanici.

Nell’a.s.1974/1975 il Ministero della Pubblica Istruzione autorizza i corsi post-qualifica per la formazione di Tecnici di materie elettriche ed elettroniche e di Tecnici per le industrie meccaniche: tali corsi, all’inizio, si svolgevano in orario pomeridiano e serale, perché frequentati da studenti lavoratori.

Successivamente, l’IPSIA Spoleto caratterizza la propria offerta formativa con l’indirizzo di qualifica per Operatore meccanico e di quello post-qualifica per Tecnico delle Industrie Meccaniche, che prevedevano sia un corso ordinario che uno serale.

Dall’anno scolastico 1989-90 è stato attivato il corso per il conseguimento della qualifica di Operatore della Moda e del diploma di post-qualifica per Tecnico Abbigliamento e Moda.

I giovani Cantanti del Teatro Lirico che via via si stanno esibendo tra i banchi delle scuole sono: Elena Antonini soprano, Veronica Aracri mezzosoprano, Sara Cortolezzis soprano, Oronzo D’Urso tenore, Elena Finelli soprano, Inna Kaluhina soprano, Maria Stella Maurizi soprano, Alessia Merepeza soprano, Davide Peroni baritono, Giacomo Pieracci basso, Matteo Lorenzo Pietrapiana baritono, Davide Romeo baritono, Elena Salvatori soprano, Antonia Salzano mezzosoprano e Roberto Manuel Zangari tenore.

Il progetto “MiniOpera Tour” è l’occasione di far conoscere in modo più approfondito la prestigiosa storia dello Sperimentale, che dal 1947 ad oggi tiene banco con produzioni dalle molte eco internazionali, ai giovani studenti di Spoleto e, al contempo, avvicinarli a questa forma di teatro che può offrire loro molti spunti di riflessione e di divertimento, nonché una gradevole lettura psicologica di due personaggi, Carmen e Don Giovanni appunto, che scopriranno non essere poi così diversi da loro, giovani di oggi, per velleità, fragilità ed ambizioni.

Lo Sperimentale conta infatti sul supporto della Regione Umbria, del Comune di Spoleto, della Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto e di quegli imprenditori illuminati di questo territorio, che di certo non mancano. L’Istituzione si dice certa che queste realtà inizieranno presto e finalmente a sostenere questo lavoro che il Lirico porta avanti con le scuole, con i giovani che rappresentano il futuro prossimo delle Istituzioni, ma anche del consumo cittadino.

MiniOpera Tour è un progetto a cura di Raffaella Clerici e Diletta Masetti dell’Ufficio Promozione del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”, con la collaborazione di Marta D’Atri e Gloria Bagatti.

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!