Il grido disperato delle esodate Perugina: "Non ci dormiamo la notte" - Tuttoggi

Il grido disperato delle esodate Perugina: “Non ci dormiamo la notte”

Redazione

Il grido disperato delle esodate Perugina: “Non ci dormiamo la notte”

Lun, 24/09/2012 - 14:08

Condividi su:


Il grido disperato delle esodate Perugina: “Non ci dormiamo la notte”

Il grido disperato- “Non ci dormiamo la notte, siamo disposte a tutto: abbiamo lavorato onestamente per quasi 40 anni e ora non ci vogliono dare la pensione”. Sono letteralmente disperate, sono un gruppo di lavoratrici ex Perugina Nestlè che vive, come molti altri lavoratori in Italia, nel limbo degli esodati, senza reddito né prospettive per il futuro. Queste donne hanno siglato, insieme ad altri 80 lavoratori, un accordo per l'uscita dall'attività produttiva il 18 maggio 2007. Si tratta di un accordo voluto dall'azienda, che prevedeva alcuni anni di mobilità e poi la collocazione in pensione, con i requisiti dell'epoca, ovvero 57 anni di età e 35 di contributi.

Le riforme- Ma, prima la riforma Sacconi e poi quella Fornero hanno cambiato tutte le carte in tavola, con il risultato che ad oggi queste lavoratrici sono nella più totale incertezza e soprattutto, in diversi casi, già senza reddito da alcuni mesi.

L'unica via possibile- Allo stato attuale, l'unica via d'uscita possibile per queste donne, sarebbe quella di optare per il regime speciale contributivo, rinunciando così però ad una cospicua quota di pensione, pari a circa il 30% dell'importo e accentando quindi di “sopravvivere” con pensioni da 7-800 euro. L'alternativa, sarebbe quella di aspettare i 66 o 67 anni di età, ma le donne in questione oggi non ne hanno ancora compiuti 60. “Dopo tutti questi anni di lavoro in fabbrica, con sacrifici e sforzi enormi, ora siamo penalizzate in maniera incredibile, e vorrebbero ridurci ancora di più pensioni che sono già da fame – dicono le ex lavoratrici – Siamo disposte a tutto per avere quello che ci spetta”.

L'intervento di Flamini – Il grido di disperazione delle lavoratrici “esodate” della Perugina va raccolto e sostenuto- spiega Errico Flamini segratario provinciale Prc Perugia e Fds- Ecco i risultati concreti della riforma Fornero sulle pensioni, riforma votata da Pd, Pdl ed Udc e contro la quale nei migliori dei casi i sindacati hanno indetto tre ore di sciopero. Il governo dei “tecnici” e dei partiti che lo sostengono hanno trasformato i diritti dei lavoratori in una lotteria. I lavoratori sono trattati come carne da macello. Oltre allo svuotamento e alla manomissione dell’articolo 18 dello Statuto dei Diritti dei Lavoratori e del contratto nazionale, Monti e la Fornero hanno precarizzato tutto il mondo del lavoro, hanno dimezzato le protezioni sociali e, come dimostra il dramma delle lavoratrici della Perugina, hanno lasciato irrisolta la questione di tutti quei lavoratori che non lavorano più per accordi di ristrutturazione e di crisi. Una vera e propria tragedia sociale: lavoratrici che hanno fatto la fortuna della nostra economia con anni di lavoro e sacrifici in fabbrica si ritrovano senza lavoro, senza reddito, senza pensione. Con l'assurdità che i conti dell'Inps sono in ordine. Nel mentre siamo impegnati per un referendum che abolisca la riforma delle pensioni del ministro Fornero vogliamo dire ancora una volta che serviva e serve lo sciopero generale contro questo scempio.

La Cgil- “E' una situazione grottesca e drammatica al tempo stesso – commenta Roberto Panico dell'Inca Cgil di Perugia – perché come al solito, con la fretta di legiferare per ragioni economiche, si sono lasciate fuori tutta una serie di casistiche importanti. Benché ci sia la disponibilità da parte dell'Inps ad affrontare il problema – prosegue Panico – ad oggi non ci sono strumenti normativi chiari che permettano di affrontare situazioni come queste che, purtroppo, i patronati si trovano ad affrontare quotidianamente”. La Cgil e l'Inca, ritenendo insostenibile questa situazione, auspicano al più presto un intervento normativo che faccia chiarezza e offra risposte immediate alle lavoratrici e ai lavoratori che al momento “non sanno di che morte devono morire”. L'obiettivo è naturalmente quello di “trovare dei sistemi che riescano ad accompagnare alla pensione questi lavoratori”, e si tratta di un obiettivo “non più rinviabile”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!