IL GOVERNO CONTRATTERA' CON LE REGIONI LA CHIUSURA DELLE PICCOLE SCUOLE - Tuttoggi

IL GOVERNO CONTRATTERA' CON LE REGIONI LA CHIUSURA DELLE PICCOLE SCUOLE

Redazione

IL GOVERNO CONTRATTERA' CON LE REGIONI LA CHIUSURA DELLE PICCOLE SCUOLE

Mer, 04/02/2009 - 15:32

Condividi su:


“Sulla riorganizzazione della rete scolastica la Regione Umbria fa e farà valere le proprie ragioni e quelle dei suoi territori”. È quanto afferma l'assessore regionale all'Istruzione Maria Prodi. “Giovedì scorso – riferisce – i due regolamenti emessi dal Governo il 18 dicembre, che danno attuazione ai tagli sulla rete scolastica e sull'organico delle scuole materne, elementari e medie sono stati discussi in Conferenza Unificata (fra Stato, Regioni ed Enti Locali). Le Regioni hanno dato, a maggioranza, un parere negativo sul secondo, che arrecherà forti diminuzioni di organici e un impoverimento delle capacità organizzativo-didattiche delle scuole, anche nelle classi già in corso e che quindi non dovevano essere toccate dalla riforma del maestro unico”.

“Sul primo regolamento – sottolinea l'assessore – le Regioni sono riuscite a far togliere dal provvedimento i parametri che il Governo aveva fissato per la chiusura delle piccole scuole, riportando la questione ad una intesa da costruire fra Stato e Regioni. Rimane il forte rischio che, comunque, le risorse sottratte alla scuola con la legge 133 finiscano per ricadere, in un modo o in un altro, sulla scuola umbra, nonostante l'impegno della Regione nell'ammortizzare e mitigare i danni”.

“La parte del regolamento che le Regioni sono riuscite la settimana scorsa a bloccare, e a riportare alla discussione per una intesa – prosegue – è la riorganizzazione dei punti-scuola: la proposta del Governo era molto rigida e avrebbe comportato la chiusura in Umbria (una vera e propria chiusura fisica delle sedi) di una ottantina di piccole scuole elementari, e altrettante materne. Su questo punto ci sarà una discussione e faremo sentire le nostre ragioni e quelle dei nostri territori. Restano tutti gli obblighi – rileva l'assessore regionale all'Istruzione – previsti dalla legge sul dimensionamento. A questo proposito, si sono sentite molte inesattezze. Un esempio: la scuola di Ponte San Giovanni (Perugia), che sarebbe “ingolfata” da 1300 alunni con conseguenti timori di ingorghi e traffico, mentre l'unico a doversi spostare un poco di più sarà il dirigente che solo per un anno, fino al completamento della risistemazione dei Circoli di scuola primaria di Perugia, i quali necessitano di una riorganizzazione da definire nel prossimo anno, avrà qualche plesso in più da dirigere. I bambini e le classi, invece, resteranno esattamente dove sono”.”Il dimensionamento – sottolinea l'assessore Prodi – è in vigore, con prassi meno rigide, da molti anni e non va confuso con la riorganizzazione dei punti di erogazione del servizio introdotta dal ministro Gelmini. Non si è voluto chiarire che il dimensionamento riguarda solo il rapporto dirigenti/alunni, e che il Governo consegna comunque alle Regioni il parametro fra i 500 e i 900 alunni, da attuare solo con le deroghe relative ai Comuni di montagna e le piccole isole. È falso che su questo punto ci sia stato un ammorbidimento: anche nell'ultima versione del regolamento del Governo si ribadisce la vigenza di queste norme. La falsa aspettativa è stata fatta circolare per attribuire alla Regione ciò che invece è il Governo a imporre”.

“I passaggi che ancora mancano per rientrare nei parametri – conclude – saranno concertati nei prossimi mesi, tenendo conto soprattutto della imminente riforma delle scuole superiori che si profila molto critica a causa dell'assorbimento nell'istruzione tecnica di molti indirizzi dei Professionali, secondo le anticipazioni presentate dal Governo”.


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!