Il Consorzio Smai lancia un appello per il futuro del mobile in Alto Tevere - Tuttoggi

Il Consorzio Smai lancia un appello per il futuro del mobile in Alto Tevere

Redazione

Il Consorzio Smai lancia un appello per il futuro del mobile in Alto Tevere

Il presidente Emiliani, “Serve un patto tra artigiani e istituzioni”
Mer, 20/01/2016 - 14:31

Condividi su:


Il Consorzio Smai lancia un appello per il futuro del mobile in Alto Tevere

Pensiamo sia venuto il momento che gli artigiani e le istituzioni del territorio stringano un patto per salvaguardare la tradizione del legno-arredo dell’Alta Valle del Tevere e per dare un futuro a questo settore, unendo le energie e condividendo gli obiettivi

Dopo anni di crisi che hanno dimezzato il numero delle aziende e la forza lavoro del comparto, il presidente del Consorzio SMAI Emanuele Emiliani apre il 2016 con un appello per il rilancio della produzione di mobili nel comprensorio altotiberino. Nei soci del sodalizio è maturata la consapevolezza che non c’è alternativa a un cambiamento del modello produttivo e delle logiche che finora hanno caratterizzato il proprio lavoro e che questo cambiamento risieda nella capacità di aprirsi e fare squadra con gli altri operatori del settore e con le istituzioni.

La crisi ha spazzato via tante aziende, ha portato tanti artigiani a perdere fiducia in questo settore e nel futuro, ha praticamente azzerato il ricambio generazionale – osserva Emiliani – ma oggi possiamo dire che questa crisi si è arrestata e ci sono le condizioni per ripartire e rilanciare la produzione. Ecco perché abbiamo bisogno di una svolta e siamo convinti che possa venire solamente se gli artigiani si mettono insieme”.

Tutti noi sappiamo che l’artigiano altotiberino sa fare mobili, ha conoscenze e abilità uniche, ma abbiamo anche ben chiaro che le nostre aziende hanno bisogno di competenze gestionali e finanziarie, di capacità manageriali e professionalità che ci permettano di innovare i prodotti e intercettare nuove tendenze. Quando ciò è stato tentato, tutto questo è stato fatto finora in maniera individuale, con una certa gelosia del proprio marchio e della propria autonomia. Singolarmente le aziende potranno anche sopravvivere, ma sarà sempre più difficile difendere il marchio di qualità del mobile altotiberino. Mettere in comune le conoscenze e le esperienze, investire insieme per dotarsi degli strumenti necessari a gestire le aziende e innovare il prodotto, concorrere all’acquisizione di spazi di mercato, costruire insomma una filiera, per il Consorzio SMAI è l’obiettivo di cui devono farsi carico addetti ai lavori e istituzioni

Emiliani ha riferito anche di aver accolto con soddisfazione il recente pronunciamento con cui il Consiglio comunale di Città di Castello ha avviato un percorso finalizzato alla valorizzazione delle eccellenze del territorio attraverso la predisposizione dei servizi necessari a supportare e sviluppare le aziende: “Crediamo che questa sia la strada giusta, è esattamente ciò che ci aspettiamo dalle istituzioni. Siamo pronti a fare la nostra parte per avviare un percorso comune che ci permetta di crescere e rilanciare il settore del mobile – conclude il presidente – e fin d’ora siamo a disposizione delle aziende, dei consorzi e delle istituzioni del territorio per incontrarci e dare seguito a tutte le azioni che permettano di lavorare insieme a questo obiettivo”.


Condividi su:


Aggiungi un commento