Il clown killer fa tremare Perugia / Gli autori due giovani di Magione

Il video Killer Clown Scare Prank raggiunge milioni di visualizzazioni in soli tre giorni


share

Ricorda tanto il pagliaccio IT che nel thriller di Stephen King ingannava i bambini con i suoi palloncini, per poi seminare il terrore in città. Stesso sorriso, stessi colori nell’abbigliamento: il video girato in diverse sequenze a Perugia, intitolato Killer Clown Scare Prank, fa paura allo stesso modo. Prima con un martello fa saltare la testa di un malcapitato nel parcheggio di un supermercato (forse il Gherlinda o Collestrada). Poi cosparge di un liquido non ben identificato l’asfalto di un benzinaio dove un uomo sta facendo rifornimento. Poi la scena si sposta in un parco, che poi si scoprirà essere un’area verde di Magione. Chi lo incontra gli chiede cosa stia facendo, oppure tenta di scappare. Per gli stranieri, ci sono anche i sottotitoli. Il tutto sembra ripreso da telecamere di video sorveglianza, con in sottofondo una musica affatto rassicurante. Siamo sicuri sia finzione, ma la “paura” ha fatto schizzare le visualizzazioni del video a più di 2 milioni nel giro di soli tre giorni. Nessun pericolo insomma, ma fate attenzione a cosa si nasconde dentro i tombini per le strade perugine.

Ma i due “ragazzi del giorno” si dicono sorpresi da tutto questo clamore. Matteo Moroni e Diego Dolciami i due giovani magionesi, che insieme hanno realizzato il video oggi scrivono su Facebook: “Ci siamo… Con grande soddisfazione… tutti i nostri sforzi.. sono stati ripagati. Ore e ore a registrare.. montare al pc… etc etc.. cercando di far bene anche la virgola. Pensiamo che questo è un record per degli Youtubers Italiani… mai fatto prima. Siamo il primo canale (quello nostro internazionale) con + iscrizioni nelle ultime 24 ore in tutto youtube.com.. Siamo davanti a sua maestà “PewDiePie”… per parlare di quell’omino.. di Eminem… o una semplice donna come Katy Perry. Grazie a tutti ragazzi.. questo giorno rimarrà nella storia”.

Ha collaborato Sara Minciaroni

Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa