Gubbio si riempie di mattoncini colorati, arriva la mostra dedicata ai Lego

Gubbio si riempie di mattoncini colorati, arriva la mostra dedicata ai Lego

Dal 29 marzo al 17 giugno arriva “Gubbio Brick Art”, esposizione unica in Umbria nel 60° anniversario della celebre azienda danese

share

Un’esplosione di colore e fantasia a Gubbio, con la mostra Gubbio Brick Art. In occasione del 60° anniversario dalla fondazione della celebre azienda danese Lego, la città dedica un’esposizione unica all’iconico mattoncino colorato che, dal 29 marzo al 17 giugno, permetterà a grandi, bambini e appassionati del genere, di ammirare sculture create da mastri-costruttori ambientate negli splendidi locali del Centro Servizi Santo Spirito.

Un evento eccezionale, che ha registrato in altre manifestazioni simili, come a Pisa ed Arezzo, un grande numero di visitatori, per una mostra che ha il sapore del puro divertimento per i più giovani, ma che strizza l’occhio al vintage, con i lontani ricordi dell’infanzia dei più grandi. La mostra è stata possibile grazie alla collaborazione di numerosi collezionisti privati, con oggetti molto rari dei primi anni 40′, come la famosissima paperella in Lego®, icona di quegli anni in Danimarca, per poi proseguire con set degli anni 60’, 70’ ed 80’.

Unica in Umbria, la mostra avrà anche un’area gioco con ben 100 kg di mattoncini a disposizione di bambini e genitori. L’esposizione è inoltre l’evento di lancio di un nuovo e virtuoso sodalizio collaborativo tra tre importanti associazioni cittadine, Associazione Host, che riunisce le strutture alberghiere, extra-alberghiere e ristoratori eugubini, Associazione Iridium, che riunisce le strutture agrituristiche locali, e Associazione Culturale La Medusa, operante nel settore culturale ed ente gestore di alcuni tra i più importanti musei cittadini.

Le Associazioni, con il patrocinio del Comune di Gubbio e coadiuvati dalla famosa LUG Organge Team di Pisa e dell’Associazione Tetraedro, si sono uniti per portare a Gubbio un evento di attrazione nazionale.

share

Commenti

Stampa