Gualdo Cattaneo e Giano, primo ok alla fusione dal consiglio congiunto - Tuttoggi

Gualdo Cattaneo e Giano, primo ok alla fusione dal consiglio congiunto

Sara Fratepietro

Gualdo Cattaneo e Giano, primo ok alla fusione dal consiglio congiunto

Approvato dalla maggioranza il protocollo d'intesa per unire i due Comuni. Presente anche la Marini. L'ex sindaco Morbidoni critica la proposta delle minoranze
Gio, 03/03/2016 - 12:54

Condividi su:


Presto i Comuni di Gualdo Cattaneo e Giano dell’Umbria potrebbero fondersi insieme: il primo atto verso la fusione è arrivato ieri sera dal consiglio comunale congiunto che si è tenuto a Gualdo, alla presenza della governatrice dell’Umbria Catiuscia Marini. A votare a favore del protocollo d’intesa sono stati 17 consiglieri, mentre in 4 hanno espresso voto contrario. Nei giorni scorsi alcuni consiglieri di minoranza dei due Municipi, oltre a quelli di Castel Ritaldi, avevano redatto un documento in cui si invitava ad allargare il progetto di fusione anche al Paese delle Fiabe e possibilmente perfino a Montefalco. La proposta, però, per il momento non è stata presa in considerazione, mentre si va avanti su quella di unire Gualdo Cattaneo e Giano. Il protocollo prevede ora la costituzione di un gruppo di lavoro per arrivare entro la metà del prossimo anno all’approvazione della fusione vera e propria da parte dei relativi consigli comunali.

E ieri appunto, il primo passo formale è stato fatto, con la soddisfazione dei primi cittadini dei due Comuni, Andrea Pensi e Marcello Bioli. A commentare con favore l’ok all’intesa, criticando la proposta delle opposizioni, è stato l’ex sindaco gianese Paolo Morbidoni, che ha definito la votazione “un atto coraggioso e impegnativo che traccia il percorso di integrazione amministrativa delle due comunità e che sfocerà, alla fine, in un referendum popolare. Per una volta – ha commentato Morbidoni – la politica non insegue ma si fa guida. E questo rende onore a chi lavora al progetto, i Sindaci Andrea Pensi e Marcello Bioli e tutti i consiglieri di maggioranza dei due comuni. Spero che su questo percorso virtuoso si ritrovi, con spirito critico ma costruttivo l’intera rappresentanza politica, anziché inseguire fantasiose e forzate macro aggregazioni che pongono molti più problemi di quelli che risolvono, oltre che annientare ogni minimo protagonismo delle due comunità, andando a prefigurare una sorta di “governatorato” di Montefalco, suggestivo forse, ma privo di fondamenti nel tessuto sociale ed economico di molti dei territori interessati“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!