Foligno, ecco tutti i tagli del Comune per risparmiare - Tuttoggi

Foligno, ecco tutti i tagli del Comune per risparmiare

Claudio Bianchini

Foligno, ecco tutti i tagli del Comune per risparmiare

Spese telefoniche giù del 70% e dimezzate le auto di servizio I Sale il prelievo tributario ma scende la spesa corrente
Mar, 09/08/2016 - 09:57

Condividi su:


“Se la crisi da un lato e i tagli del Governo dall’altro, continueranno a strizzare le casse comunali, ci toccherà spegnere pure i lampioni della luce”. Quante volte gli amministratori locali, sull’orlo di una crisi di nervi, hanno provocatoriamente minacciato di lasciare i concittadini allo scuro? Ebbene, a Foligno hanno già deciso di passare dalle parole ai fatti, con una decisione a metà strada tra esemplare risparmio energetico e necessari tagli sulla maxi bolletta della corrente. Già da tempo infatti, un piano prevede spegnimenti localizzati e riduzioni controllate, consentendo di risparmiare circa 200mila euro all’anno. Tempi bui – è davvero il caso di dirlo – per circa 3000 punti luce: 2100 lampioni sono stati via via disattivati mentre altri 8000 vengono ricalibrati con accensioni ritardate e spegnimenti anticipati.

Tagli alla bolletta elettrica, ma anche una netta sforbiciata alle spese postali, con un taglio che ha toccato il 60% dal 2009 a 2014 passando dalle 111mila euro alle 56mila euro, con ulteriori riduzioni durante lo scorso anno. Giro di vite pure sul conto telefonico: in questo caso il risparmio è quasi da record, pari al 70% nello stesso periodo. Se nel 2009 lo stanziamento era di 175mila euro, due anni fa ne sono bastati appena 54mila. Meno lettere e meno telefonate quindi, obblighi di legge e ristrettezze economiche da una parte, informatizzazione dall’altra.

Si viaggia pure di meno: se nel 2009 le nove vetture di servizio della flotta comunale, di cui una ‘auto blù’ di rappresentanza, percorrevano 241mila chilometri, nel 2014 sono scesi di oltre la metà, fermandosi a 98mila. Di tre autisti ne è rimasto soltanto uno, le ore di guida sono calate, nel quinquennio, da 5.500 a circa 2.800 annue.

I tagli però non portano a meno tasse: i folignati pagano più o meno le stesse cifre. Nel 2013 il prelievo tributario pro capite era di 594,34 euro, salito a 581,23 nel 2014 e leggermente calato a 574,67 nel 2015 ma sembra destinato a salire sino a 589,72 euro proprio nel 2016.

Ricontrollando i bilanci comunali, si scopre invece in diminuzione la spesa corrente pro capite: dagli 850,96 euro del 2013 si è scesi di netto ai 754,93 del 2014 per balzare a 897,81 lo scorso anno, mentre è prevista un’ulteriore riduzione nell’anno in corso per 793,76 euro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!