Foligno, il Babbo Natale più alto d'Europa nell'occhio del ciclone tra critiche e sfottò - Tuttoggi

Foligno, il Babbo Natale più alto d’Europa nell’occhio del ciclone tra critiche e sfottò

Claudio Bianchini

Foligno, il Babbo Natale più alto d’Europa nell’occhio del ciclone tra critiche e sfottò

La statua è stata ribattezzata Spauracchio, e spunta l’idea di premiare le battute più simpatiche
Lun, 03/12/2018 - 16:57

Condividi su:


Foligno, il Babbo Natale più alto d’Europa nell’occhio del ciclone tra critiche e sfottò

Foligno ha la statua di Babbo Natale più grande d’Europa. Il record è confermato ufficialmente dallo stesso presidente della Confesercenti territoriale, Simone Mattioli, e sancito da un lancio dell’Ansa, prima agenzia di informazione italiana e quinta a livello mondiale, che ha rilanciato la notizia non solo in tutto il Paese ma ai cinque continenti.

Promessa mantenuta quindi: ora ‘al centro del mondo’ c’è il Babbo Natale più grande d’Europa. L’idea è stata indiscutibilmente apprezzata, e se le scopo era quello di farne parlare è stato indubbiamente raggiunto.

Detto questo, onore al merito! Ma…c’è un ma…

Che se ne parla tanto è vero, forse, magari, anche troppo, ma bisogna vedere come se ne parla. Diceva Oscar Wilde: “Nel bene o nel male, purché se ne parli” ma certo è che le critiche non sono mancate. Già, perché, se l’idea è, e resta valida, la sua concretizzazione lascia decisamente perplessi, basiti, spiazzati, qualcuno dice addirittura sconvolti.

E allora Foligno, con la sagace schiettezza e la ‘vena ipercritica’ che la contraddistingue, ha lasciato da parte il ‘buonismo natalizio’ del ‘volemose bbene’ e ‘siamo tutti più buoni’ sparando ad alzo zero’ contro il gigantesco Babbo Natale.

E’ stato ribattezzato: tisicu, vecano, mazzinga, spauracchiu, Fassino da juvinottu, Santa Skrause, spilungone, sicchinpiedi, perticone, Babbo Stamale, sellerone, seccardone, seccafieno, pennellone, saccovotu…queste solo per citarne alcune, tra le più divertenti.

Nel mirino anche la corporatura troppo ‘esile’: chi lo considera anoressico, chi lo vorrebbe con più ‘panza’, chi con gli occhiali neri, chi con lo sguardo più dolce, chi sorridente, chi più capellone, e giù a sarcasmo.

In rete anche vignette e lavori grafici del tutto originali.

C’è pure chi lo apprezza ovviamente, chi loda comunque lo sforzo organizzativo, chi dice che l’importante è che piaccia ai bambini, che l’importante è fare qualcosa fregandosene delle critiche.

Dall’altro – altrettanto legittimamente – che rivendica il diritto a criticare se qualcosa non piace, senza essere additato come contestatore a prescindere.

Insomma, il ‘caso Babbo Natale gigante’ è servito!

Ed ora, come avvenne per il ‘caso Spelacchio’ si pensa di fare buon viso a cattivo gioco, magari facendo di necessità virtù premiando le critiche più simpatiche a ‘Spauracchio”.

Perché per andare d’accordo – soprattutto a Natale, o almeno a Natale – non è necessario pensarla allo stesso modo, ma avere almeno lo stesso rispetto.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!