Fiumi Umbria, Ordine del Giorno di Capitani in Provincia su Marroggia-Clitunno-Timia-Teverone -

Fiumi Umbria, Ordine del Giorno di Capitani in Provincia su Marroggia-Clitunno-Timia-Teverone

Redazione

Fiumi Umbria, Ordine del Giorno di Capitani in Provincia su Marroggia-Clitunno-Timia-Teverone

Dom, 02/02/2014 - 09:35

Condividi su:


“ Facendo seguito alla la mozione presentata in data 16/01/2012 dal Consigliere Provinciale Luigi Andreani – PDL – avente ad oggetto “Situazione fiume Clitunno” e l’interrogazione urgente presentata in data 29/10/2012 dal Consigliere Provinciale Enrico Bastioli – Socialisti e Riformisti – avente ad oggetto “Moria di pesci nel Fiume Beverone e contratto di Fiume Clitunno– Scrive in un Ordine del giorno il Consigliere Provinciale del Pd Massimiliano Capitani, presentato in qualità di Presidente della Prima Commissione Consiliare Permanente – e al ruolo svolto dalla I° Commissione Consiliare Permanente della Provincia di Perugia, nelle sedute del 08/08/2013, 07/11/2013, 21/11/2013 alla presenza dell’Assessore Provinciale all’ambiente Roberto Bertini, dei rappresentanti dei Comuni di Bevagna, Spoleto, Montefalco, Trevi, del Consorzio di Bonificazione Umbra, dell’ARPA, della Valle Umbra Servizi, della USL Umbria 2 e del Comitato per la difesa dell’acqua e dell’aria di Bevagna” Capitani continua affermando che “I fiumi in oggetto interessano un territorio molto vasto dei Comuni di Spoleto, Campello sul Clitunno, Trevi, Montefalco, Foligno e Bevagna. Nel corso degli anni, a seguito delle criticità d’inquinamento riscontrate lungo il corso di tali fiumi, si sono intraprese iniziative importanti come la stipula di un Protocollo d’intesa in data 17/10/2008 che ha interessato la Regione dell’Umbria, la Provincia di Perugia, i Comuni di Campello sul Clitunno, Trevi, Foligno e Bevagna, ATO 3 e l’ARPA UMBRIA, allo scopo di promuovere azioni strategiche integrate per il risanamento delle acque e più in generale del reticolo idrografico del fiume Clitunno, a seguito del disastro dell’UMBRIA OLII. Nello stesso periodo si sono sviluppate attività importanti promosse in un convegno dal CLUB UNESCO di Foligno, dove sono state affrontate le problematiche del Clitunno e degli altri fiumi, oltre ad altre iniziative fatte dalle Associazioni, dall’Istituzioni e dai cittadini allo scopo di poter affrontare la questione dell’inquinamento delle acque e definire azioni pianificate alla risoluzione di tale problema. Dal 2002 ad oggi i Comuni presenti nell’ATI 3 hanno pianificato e realizzato interventi per la sistemazione dei depuratori in località Casone nel Comune di Foligno e Camposalese nel Comune di Spoleto per un importo di oltre 16 milioni di euro. Nell’anno 2012 si è verificata una moria di pesci che ha interessato il fiume Teverone nel territorio del Comune di Bevagna con relativa denuncia/esposto ai Carabinieri del NOE da parte del Sindaco del Comune di Bevagna. Nel mese di aprile 2013 è nato a Bevagna il “Comitato per la difesa dell’acqua e dell’aria” di Bevagna con il fine di intraprendere iniziative importanti per evidenziare la criticità delle acque dei fiumi sopra indicati. La Delibera della Giunta Regionale n. 880 del 28 luglio 2013, è stato costituito un tavolo di lavoro iter-Istituzionale per l’attivazione del contratto di fiume del “Clitunno-Marroggia-Topino”, finalizzato alla riqualificazione ambientale e paesaggistica ed alla valorizzazione del bacino idrografico Clitunno-Marroggia-Topino e dei territori ad essi connessi. Dopo aver esaminato la relazione ed i dati dell’ARPA, il filmato prodotto dal “Comitato per la difesa dell’acqua e dell’aria”, in cui emerge nella sua totalità la gravità della situazione dell’inquinamento in questione; dal confronto avuto si è stabilito di intraprendere il seguente percorso: intraprendere un piano d’azione parallelo al contratto di Fiume; richiedere i dati alla USL Umbria 2; fare un sopralluogo della I° Commissione Consiliare al Depuratore di Casone ed al Canale Alveolo nel Comune di Foligno.La Giunta Regionale con Atto n. 1356 del 02/12/2013, ha inserito nel tavolo di lavoro Iter-Istituzionale il “Comitato per la difesa dell’acqua e dell’aria” di Bevagna”. Il documento chiede quindi al Consiglio Provinciale di impegnare il Presidente della Provincia e la Giunta a “ mettere in atto tutte quelle iniziative atte a risolvere l’ormai annoso problema dell’inquinamento dei corsi d’acqua dei fiumi indicati in oggetto e di collaborare con le altre Istituzioni ed il Comitato allo scopo di definire azioni mirate in tempi certi; attivare un percorso di prevenzione e controlli tramite il Corpo della Polizia Provinciale con un coordinamento con tutti i soggetti deputati ai controlli ;riferire alla Commissione competente e quindi al Consiglio sullo stato dell’arte delle iniziative intraprese per risolvere i problemi in questione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!