FIRMATO A SPOLETO IL PROTOCOLLO D'INTESA TRA SLOW FOOD E LA REGIONE UMBRIA - Tuttoggi

FIRMATO A SPOLETO IL PROTOCOLLO D'INTESA TRA SLOW FOOD E LA REGIONE UMBRIA

Redazione

FIRMATO A SPOLETO IL PROTOCOLLO D'INTESA TRA SLOW FOOD E LA REGIONE UMBRIA

Mer, 06/07/2011 - 13:00

Condividi su:


Nel segno della valorizzazione del territorio e dell’economia rurale, del recupero delle radici popolari e contadine dei territori, di un più agevole accesso alla terra ed al lavoro agricolo delle giovani generazioni, dell’attenzione alla biodiversità e all’educazione alimentare, Regione Umbria e associazione “Slow Food Umbria” hanno firmato un protocollo d’intesa, che le impegna a “lavorare ad un’attività comune finalizzata alla valorizzazione e promozione del patrimonio culturale, produttivo ed enogastronomico regionale”. L’atto della firma è avvenuto ieri (5 luglio), di fronte ad un’affollata platea di giornalisti, imprenditori agricoli ed operatori del settore, nello “Spazio Umbria” allestito in occasione del Festival dei 2Mondi a Palazzo Collicola di Spoleto. Il documento, cinque cartelle che indicano il futuro programma di attività, è stato firmato, per la Regione, dall’assessore all’agricoltura Fernanda Cecchini, per “Slow Food” (alla presenza del presidente nazionale Roberto Burdel) dal presidente dell’associazione Umbria Sonia Chellini. “È un’occasione importante – ha commentato quest’ultima -, che concretizza il lavoro di anni: è un protocollo destinato a lasciare il segno nell’agroalimentare umbro, non soltanto per quanto riguarda la qualità delle produzioni e del consumo, ma anche nel senso di un rafforzamento dell’identità territoriale, che in Umbria si manifesta attraverso l’agricoltura, l’ambiente, la cultura e il paesaggio”.
“La firma di questo protocollo rappresenta per noi un passaggio fondamentale – ha sottolineato il presidente nazionale di “Slow Food” Roberto Burdel – si tratta infatti di un documento importante nel taglio e nei contenuti, che raccoglie in pieno l’identità di ‘Slow Food’ e di ‘Terra Madre’ (la manifestazione sulle culture del cibo che si svolge ogni due anni nell’ambito del Salone del Gusto di Torino, N.d.R.), ed è quindi in grado di aprire scenari internazionali, in cui protagoniste siano le comunità del cibo, per creare occasioni di scambio fra i produttori di tutto il mondo, all’insegna della reciprocità”.
“Il protocollo servirà a promuovere non soltanto le eccellenze agroalimentari, ma l’Umbria nel suo insieme – ha detto l’assessore all’agricoltura Fernanda Cecchini – nella sua immagine unitaria e identitaria fatta di agricoltura, ambiente, cultura e turismo”. E lo stesso Piano di Sviluppo Rurale – ha aggiunto – potrà inserirsi nella realizzazione degli interventi previsti dall’intesa, ad esempio con le misure per le cosiddette “aree mercatali” e la riqualificazione dei “villaggi rurali”.
Regione Umbria e “Slow Food” s’impegnano a “far emergere – è detto nel documento – l’immagine regionale legata all’asse territorio/ prodotto agroalimentare/ cultura, restituendo giusta dignità e giusto valore alle radici identitarie popolari e contadine; a favorire e promuovere un modello di agricoltura a misura di territorio e polifunzionale, volano e strumento indispensabile per un progetto di piccola economia locale; a valorizzare la figura del produttore, anche attraverso il riconoscimento delle funzioni di ‘custode’ del territorio; a promuovere e sviluppare progetti innovativi, che consentano un facile accesso alla terra ed al lavoro agricolo per le giovani generazioni; a valorizzare le piccole produzioni ‘locali e identitarie’, anche ai fini di una fruizione agrituristico-culturale”.
Fra gli interventi concreti, il protocollo prevede il sostegno al progetto di ricerca e di studio sulle tradizioni popolari e contadine del “Centro Nazionale di Documentazione e Studi sulla Cucina Popolare” presso il Castello Bourbon di Santa Maria Tiberina, il riconoscimento e valorizzazione delle attività della rete “Terra Madre in Terra Umbra” e azioni di scambio di buone pratiche e gemellaggi con le Comunità di terra Madre a livello internazionale e nazionale, la realizzazione e il sostegno al progetto “Mercati della Terra” in Umbria e alla realizzazione di almeno tre nuovi presìdi regionali, la valorizzazione delle funzioni di “custode” dei territori per gli agricoltori, gli allevatori e i pescatori che operano nelle aree protette, una serie di azioni finalizzate alla consapevolezza ed alle buone prassi nei consumi alimentari delle giovani generazioni.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!