Festival delle Nazioni, al via la 49^ edizione dedicata alla Francia - Tuttoggi

Festival delle Nazioni, al via la 49^ edizione dedicata alla Francia

Davide Baccarini

Festival delle Nazioni, al via la 49^ edizione dedicata alla Francia

Nella serata inaugurale pagine di Ravel, Bizet e le operette di Offenbach con l’Orchestre Dijon Bourgogne | Tanti eventi collaterali e due social contest
Mar, 23/08/2016 - 14:33

Condividi su:


Dopo il “Viaggio dall’Italia alla Francia”, anteprima della manifestazione con protagonista la Filarmonica “Giacomo Puccini”, questa mattina, nella suggestiva sede del loggiato di Palazzo Vitelli alla Cannoniera, è stato il momento della presentazione ufficiale della 49a edizione del Festival delle Nazioni di Città di Castello. Presenti all’appuntamento il primo cittadino Luciano Bacchetta, l’assessore alle Politiche culturali e vicesindaco Michele Bettarelli, il vicepresidente del Festival delle Nazioni Massimo Ortalli, il direttore artistico del Festival Aldo Sisillo e il direttore organizzativo Roberto De Lellis.

L’edizione di quest’anno – ha esordito Ortalli rientra nel ciclo del centenario della prima guerra mondiale. La Francia di fine ’800 e primi del ’900, infatti, viene dopo le edizioni dedicate all’Armenia e all’eccidio del suo popolo durante il conflitto, e all’Austria, comprendente tutte le culture e i popoli dell’impero, compresi ungheresi e serbi”. “Il periodo preso in considerazione – ha aggiunto Sisilloè quello in cui, in Francia, regnava grande ottimismo rispetto al futuro, una grande evoluzione dal punto di vista tecnologico, scientifico e di presenze artistiche, soprattutto a Parigi. La capitale teneva le orecchie tese, ovviamente, anche agli stimoli musicali, che arrivavano dalle colonie, dall’estremo oriente e dall’Africa, con un arricchimento di strumenti nelle orchestre, una ricerca timbrica e un utilizzo di tecniche compositive diverse”.

La serata inaugurale – Il direttore artistico Aldo Sisillo, rimarcando alcuni degli appuntamenti più importanti del programma ufficiale (consultabile sul sito www.festivalnazioni.com) ha presentato anche la serata inaugurale di questa sera (martedì 23 agosto), alle ore 21, nella Chiesa di San Domenico, con un concerto sinfonico che vedrà protagonista l’Orchestre Dijon Bourgogne diretta da Gergely Madaras, interpreti d’eccellenza del repertorio d’oltralpe. La “prima” si apre con Le Tambeau de Couperin, omaggio di Ravel al compositore barocco e alla musica francese del ’600. Nato come musica per pianoforte solo tra il 1915 e il 1917 e subito riadattato per orchestra, Le Tombeau, in questa versione, si compone di 4 movimenti dedicati ciascuno ad un amico morto nella Grande Guerra. La prima parte della serata prevede, inoltre, l’esecuzione dell’Arlésienne, suite orchestrale dall’omonima opera di Bizet, dramma della passione ambientato nella suggestiva Provenza. La seconda parte sarà interamente dedicata a Jacques Offenbach, con una carrellata di brani brillanti da La Vie parisienne, La Fille du tambour-major, La Grande-duchesse de Gérolstein, ossia alcuni esempi delle tante operette che spopolavano nei teatri di Parigi alla fine dell’Ottocento. Nonostante le sue origini tedesche Offenbach era uno degli autori più popolari di Francia e presto venne considerato il padre di questo genere musicale. Saranno eseguiti anche alcuni estratti da Souvenir des Bouffes-Parisiens, una sorta di pot-pourri delle operette rappresentate nel teatro dove maggiormente operò il musicista assemblato dallo studioso offenbachiano Jean-Christophe Keck, e naturalmente non mancherà, come gran finale di serata, l’indimenticabile Can-CanI biglietti per il concerto (da 25 a 10 €) sono in vendita nella sede della biglietteria di Città di Castello a Palazzo Facchinetti in corso Vittorio Emanuele 2 (dalle 11 alle 13 e dalle 17.30 alle 19.30). Per ulteriori informazioni di biglietteria: tel. 075 8522823, ticket@festivalnazioni.com.

Finanze e polemiche –Negli ultimi anni – ha detto il sindaco Bacchettail Festival ha avuto grandi momenti di partecipazione, acquisendo una propria anima e una sua concettualità. Quello che conta, inoltre, è la durata: alle soglie della 50^ edizione bisogna comunque avere la forza e la capacità di crescere e consolidare una formula vincente, coinvolgere sempre più i giovani e far fronte alle difficoltà di natura finanziaria. Occorre infatti lavorare soprattutto ad un maggior coinvolgimento di sponsor privati. Non dimentichiamoci che la qualità della programmazione dipende anche dalla disponibilità economica”.

Sisillo, confermando quanto detto dal sindaco, ha aggiunto che “il fondo unico dello spettacolo, a inizio anni 2000, era di 510 milioni di euro mentre oggi ammonta a 408 milioni, un 20 % in meno rispetto anni a 15 anni fa. Tutti i settori dello spettacolo, soprattutto la musica contemporanea e quella da camera, ne hanno fortemente risentito”.

Ortalli e Bettarelli, ricordando il numero di presenze in continua crescita, hanno poi cercato di allontanare le recenti polemiche sullo stato di salute finanziaria del Festival, ritenendo “superfluo insistere su chi vuol fare disfattismo e non conosce la città e la realtà dei fatti”. Il vicepresidente del Festival ha poi aggiunto che “il bilancio, in questi anni, è sempre stato in pareggio e, anche questa volta, il disavanzo di 30mila euro, verrà sicuramente coperto come annunciato, in maniera serena, nell’ultima riunione del Cda. Tutti, ovviamente, sono liberi di esprimere la loro opinione. Il Festival continuerà ad esistere, è il pubblico a volerlo”.

Eventi collaterali – L’omaggio alla Francia, alla sua storia musicale e il ricordo della Grande Guerra sono i temi intorno ai quali si svilupperanno anche i tantissimi eventi collaterali – tutti a ingresso gratuito – che avranno luogo dal 24 agosto al 3 settembre, a corollario del cartellone principale del Festival. Sede principale di questa sezione della manifestazione sarà il Chiostro di San Domenico, che ospiterà incontri e presentazioni, iniziative musicali, proiezioni e shooting fotografici, laboratori, mostre e assaggi di prodotti biologici umbri, ma offrirà anche la possibilità di fruire del suggestivo porticato affrescato, ascoltando la diretta audio dei concerti in programma nella Chiesa attigua o approfittando del lounge bar a cura di Sacrosanto Caffè e Associazione Pro. Bio. Oltre alle iniziative al Chiostro, la programmazione collaterale del Festival prevede appuntamenti anche in altri spazi cittadini, come ad esempio l’incontro con Paolo Mieli del 2 settembre che si svolgerà nel Salone dei Fasti di Palazzo Vitelli a Sant’Egidio. Qui il programma completo.

Social e contest – L’omaggio alla Francia passa anche attraverso i social network. Il Festival delle Nazioni promuove quest’anno due social contest – uno video, uno fotografico – per dare la possibilità anche al pubblico della rete di interagire e partecipare al Festival con la propria creatività. I due concorsi partono oggi, martedì 23 agosto, e si chiuderanno giovedì 1 settembre. In palio biglietti omaggio per gli ultimi due concerti del cartellone principale della manifestazione.

#cantalafrancia è il titolo del video contest, novità di questa edizione del Festival: per partecipare basta caricare sulla pagina Facebook Festival delle Nazioni un breve video nel quale il concorrente canta una canzone francese, accompagnandolo dagli hashtag #cantalafrancia e #festivalnazioni. Il miglior video sarà premiato con due biglietti omaggio per il concerto conclusivo di sabato 3 settembre 2016 alle ore 21 con l’Orchestra della Toscana diretta da Joachim Jousse e per la cena che si svolgerà a seguire al Chiostro di San Domenico.

Per chi volesse esprimersi attraverso la fotografia, c’è il contest Instagram #francejetaime: l’obiettivo è immortalare oggetti, ambienti, paesaggi o qualunque immagine dell’Umbria che ricordi la Francia: così come l’icona della 49a edizione del Festival è una tromba che ammicca alle forme della Torre Eiffel, così anche gli instagramers più ispirati potranno sbizzarrirsi nel trovare corrispondenze e legami tra la nostra regione e Parigi. Le foto dovranno essere pubblicate su Instagram con gli hashtag #francejetaime e #festivalnazioni (facoltativi #igersumbria, #igersperugia, #igersfrance) insieme a una breve descrizione. I tre migliori scatti saranno premiati con due biglietti omaggio ciascuno per il concerto di Rokia Traoré in programma venerdì 2 settembre 2016 alle ore 21.00 nella Chiesa di San Domenico.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!