Fascia Olivata, primo appuntamento con la “Tirreno Adriatica”

Fascia Olivata, primo appuntamento con la “Tirreno Adriatica”

Tutto il programma con gli eventi dell’area che interessa Foligno e Trevi

share

Conto alla rovescia per il passaggio in terra umbra della “TirrenoAdriatico”, la storica gara ciclistica che rientra tra le grandi corse a tappe internazionali e che quest’anno vedrà ai nastri di partenza tutti i più grandi corridori del mondo. La carovana della “TirrenoAdriatico” attraverserà l’Umbria per due giorni: arrivo di tappa previsto il 9 marzo a Trevi e partenza il giorno seguente da Foligno. I due Comuni che ospiteranno la competizione a due ruote hanno voluto dedicare questo appuntamento alla “Fascia olivata”, il paesaggio storico e rurale inserito da poco nel registro nazionale del Ministero per le Politiche agricole. Le tappe della Fascia olivata saranno un’occasione per vivere due grandi giornate di sport precedute da diverse attività collaterali organizzate per l’occasione.

Il primo appuntamento è previsto per domenica 25 febbraio quando da Trevi, alle ore 9, partirà la “Cicloturistica Fascia olivata Trevi-Foligno” organizzata in collaborazione con il Csi (Centro sportivo italiano) sezione di Foligno, Monarca Sport e Team Metelli. Ritrovo e partenza in piazza Mazzini a Trevi, ristoro a metà percorso a Foligno prima del rientro (iscrizioni in loco).

Secondo appuntamento è quello di domenica 4 marzo, quando ci sarà l’escursione in mountain bike “Il sentiero degli ulivi”. Partenza da piazza della Repubblica a Foligno alle ore 9 e ristori a Scandolaro e Trevi. Anche in questo caso l’iscrizione potrà essere effettuata in loco la mattina della partenza. L’escursione è organizzata dal Csi di Foligno in collaborazione con Pale Guerru Hero, All Mountain, Mtb Gusta Trevi e Asd cicli Clementi. Per informazioni relative ad entrambi gli appuntamenti ci si può rivolgere al Csi al numero 0742/354654.

Veniamo al 7 marzo, quando Villa Fabri a Trevi ospiterà una conferenza stampa alle 16 che sarà il preludio dell’arrivo della TirrenoAdriatico. Presenti i sindaci di Trevi, Bernardino Sperandio e Foligno, Nando Mismetti. Poi spazio ad alcuni ciclisti ex professionisti umbri per l’analisi tecnica delle due tappe. Alle 16.30, invece, sempre a Villa Fabri, inizierà il convegno “Bici quanti benefici – Aspettando Trevi Benessere” cui interverranno il dott. Franco Santocchia, direttore responsabile di presidio dell’ospedale San Giovanni Battista di Foligno; il dott. Alessandro Fioretti, medico sportivo, la dott.ssa Silvia Baronci, fisioterapista e Marco Orsini, biomeccanico che attraverso apposite strumentazioni e una bici da corsa, mostrerà come si esegue un check up per individuare la corretta postura per i ciclisti.

Veniamo alle due tappe. Per l’arrivo di Trevi del 9 marzo l’attesa comincerà alle 14.30 con uno spettacolo degli sbandieratori del Palio dei Terzieri, mentre prima della partenza di Foligno, dalle ore 9 in poi, sono previsti giochi e animazione per bambini realizzate dal Csi al Parco dei Canapè e l’allestimento di una gimcana per bambini organizzata dall’Uc di Foligno in piazza Matteotti.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito: http://www.fasciaolivata.it/lacorsadeiduemari/

Cos’è la Fascia olivata. La “Fascia olivata Assisi-Spoleto” è un paesaggio pedemontano appenninico di oltre 40 chilometri, patrimonio unico e irripetibile, risultato millenario di cultura non di natura spontanea. La coltivazione dell’ulivo rappresenta un esempio di paesaggio culturale vivente ovvero un’opera combinata della natura e dell’uomo.

Dopo aver conseguito dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali il riconoscimento di “Paesaggio storico”, la “Fascia olivata Assisi-Spoleto” punta dritto al riconoscimento del suo paesaggio ricco di biodiversità all’interno del “Programma Giahs” (Globally important agricultural heritage systems) della Fao, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

E’ stata infatti depositata, presso il Mipaaf, la candidatura ufficiale per far rientrare la Fascia Olivata tra i siti Giahs, ovvero quei patrimoni e sistemi agroculturali presenti nel mondo, dove l’agricoltura sostenibile si combina con lo sviluppo rurale e nei quali la gestione da parte di generazioni di agricoltori, l’utilizzo di pratiche adeguate, conoscenze ed esperienze locali, sono elementi che modellano e adattano il paesaggio e il sistema agricolo alle esigenze di sostentamento delle popolazioni locali.

www.fasciaolivata.it

info@fasciaolivata.it

share

Commenti

Stampa