"Fantasma al Trasimeno", tra avvistamenti e bufale il "mistero" invade il web - Tuttoggi

“Fantasma al Trasimeno”, tra avvistamenti e bufale il “mistero” invade il web

Sara Minciaroni

“Fantasma al Trasimeno”, tra avvistamenti e bufale il “mistero” invade il web

Il vero "enigma" sono i lavori per la rimozione della frana e il ripristino del doppio senso di marcia a Sant'Arcangelo di Magione
Mer, 04/03/2015 - 01:01

Condividi su:


“Fantasma al Trasimeno”, tra avvistamenti e bufale il “mistero” invade il web

Uno, due, tre…poi sono diventati quattro e, via via, sempre di più. Si tratta degli avvistamenti, o presunti tali, di persone che al semaforo che da anni regola il traffico alla frana di Sant’Arcangelo di Magione, dicono di aver notato una figura insolita: c’è chi parla della sagoma di una persona sul ciglio della strada, chi descrive una veste bianca, chi ancora la fisionomia di una donna. E così il tutto si trasforma in un fenomeno che invade le pagine web e scatena sia le tesi misteriose, che quelle scientifiche, che le bufale più clamorose.

Leggende paesane. Di certo quello di un fantasma a Sant’Arcangelo è un racconto popolare di cui nessuno ricorda più nemmeno il primo narratore e rimanda ad un tremendo fatto di cronaca che si consumò proprio in riva al Trasimeno più di vent’anni fa. E in molti non hanno esitato a ricordare quella dolorosa vicenda quando si è trattato di collegare “la visione” ad un avvenimento reale. Una ragazza su un gruppo Fb racconta: “Ciao, ho saputo che giorni fa parlavate di fantasmi e mi è tornato in mente un episodio strano. Tornavo a casa e al semaforo della frana di S. Arcangelo io e il mio ragazzo abbiamo intravisto una sagoma umana sul ciglio della strada, oltre il guardrail, immobile. Al momento non abbiamo realizzato la cosa e quindi siamo ripassati con la macchina e l’abbiamo fotografata. Volevamo avvicinarci ma avevamo un po’ paura… Era tardi, forse qualcun altro l’ha notata fateci sapere perchè siamo molto curiosi“.

L’unico mistero restano i lavori per la frana. Chi scrive è affetto forse da una grave sindrome di scetticismo ma la ragazza posta anche una fotografia che a ben guardare non sembra aver molto di strano. Una cosa è certa, di quel semaforo e di quella frana non si è parlato così tanto nemmeno quando è montata la protesta per i lavori di rimozione che non stati ancora eseguiti. Il vero mistero è legato piuttosto ad alcune promesse fatte nel lontano 2013 quando in un’assemblea pubblica venne affermato che presto sarebbero iniziati i lavori per il ripristino del doppio senso di circolazione e per la totale rimozione della frana: “Il progetto, già pubblicato sul Bur – venne detto –  è già passato in conferenza dei servizi e la variante avrà immediata esecutività. Ragion per cui, se tutto andrà liscio, in quattro-sei mesi i lavori potrebbero concludersi”. Era il novembre del 2013. Sarà per l’attesa che a qualcuno cominciano a venire le visioni?

©Riproduzione Riservata

Articolo correlato

IL FANTASMA DI SPOLETO – IL VIDEO 

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!