Expo Casa, il progetto di Piazza Tecla dell’ultima edizione  selezionato come “Best Italian Exhibition Design 2019”

Expo Casa, il progetto di Piazza Tecla dell’ultima edizione selezionato come “Best Italian Exhibition Design 2019”

La proposta arriva dalla blasonata rivista “PLATFORM Architecture and Design” che ha scelto su una rosa di 150 progetti

share

Piazza Tecla, l’allestimento per lo spazio eventi che ha caratterizzato le ultime tre edizioni di Expo Casa, manifestazione organizzata al centro fieristico regionale Umbriafiere di Bastia Umbra (Pg) dalla società EPTA Confcommercio Umbria presieduta da Aldo Amoni, è stato selezionato da PLATFORM (rivista internazionale di architettura e design) per l’edizione di “Best Italian Exhibition Design 2019”.

Su una rosa di 150 progetti presentati, Piazza Tecla, progettata dallo studio perugino HOFLAB (Paolo Belardi, Simone Bori, Matteo Scoccia) e realizzata dall’azienda eugubina che costruisce case in legno TECLA (Paolo Barbetti, Domenico Barbi, Franco Giacometti, Andrea Vispi), è risultata tra i 45 progetti che faranno parte di un’iniziativa di Publicomm, casa editrice di PLATFORM Architecture and Design, che nasce con l’obiettivo di fotografare lo stato dell’arte della progettazione nell’ambito dell’architettura temporanea da parte di progettisti italiani.

Giovedì 10 ottobre, presso la Casa dell’Architettura di Roma, in concomitanza con l’inaugurazione della SPAM DreamCity, il primo festival di architettura di Roma ideato e condotto dall’Ordine degli Architetti di Roma, avrà luogo la presentazione ufficiale del volume Best Italian Exhibition Design che raccoglie i progetti selezionati. Contestualmente sarà inaugurata una mostra che durerà fino al 18 ottobre e che, in maniera itinerante, avrà altre tappe importanti quali la DESIGN WEEK 2020 a Milano presso lo Spazio OPEN e che terminerà il suo percorso durante l’ARCHWEEK di Miami a novembre 2020.

Un risultato che premia la proficua sinergia tra istituzioni, progettisti e realizzatori volta a ricercare la bellezza e a diffondere la cultura del progetto attraverso la qualità architettonica.

share

Commenti

Stampa